La BMW i8, sportiva ibrida ad alta tecnologia, amplia la famiglia e gli orizzonti. Al Salone di Los Angeles è stata presentata in doppia configurazione. La coupé, ristilizzata, e la roadster totalmente inedita. Le novità riguardano design, ma soprattutto powertrain e autonomia. Arriveranno a maggio 2018.

La BMW i8 Roadster, innanzi tutto. Attesa e annuciata, la scoperta a due posti - che ha sedili di nuovo design - grazie a un largo utilizzo di materiali compositi (CFRP) contiene il peso a 1595 chilogrammi, solo 60 in più della  coupé. Anche se non esagerata, la differenza ha portato diverse configurazioni di assetto e dei controlli elettronici. La capote ad azionamento elettrico impiega quindici secondi per l'apertura e la chiusura, che possono essere effettuate fino a 50 Km/h. Come la versione a tetto rigido presenta nuovi e più leggeri cerchi in lega da 20 pollici. I due posti in meno a bordo permettono di "guadagnare" due vani richiudibili da 92 litri complessivi.

Entrambe le carrozzerie dispongono di una power unit di maggiore efficienza. La potenza complessiva erogata arriva a 374 cavalli. Grazie al tre cilindri 1.5 turbo benzina da 231 cavalli (dotato di filtro antiparticolato) e soprattutto dall'accoppiata del motore elettrico potenziato a 143 cavalli e alle batterie agli ioni di litio da 11,6 kWh. Sulla coupé di prima generazione arrivavano a 7,6 kWh.

Il nuovo pacchetto permette un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 4"4 per la Coupé e 4"6 per la BMW i8 Roadster, mentre la velocità massima rimane limitata a 250 km/h. Ma soprattutto l'autonomia in modalità solo elettrica (eDrive) sale a 55 e 53 km, potendo toccare una punta di 120 km/h a zero emissioni.

La Coupé rimane un a 2+2 classica, ha aggiornato i fari a LED, aggiunto loghi distintivi sulle fiancate (Coupé, appunto), disponibile in due colori supplementari, E-Copper e Donington Grey e dispone di una nuova griglia frontale attiva.

Novità anche all'interno. Dove arriva l'ultima versione dell'infontaiment bavarese, il ConnectedDrive con display touch e l'head-up display (a pagamento) più evoluto. Disponibili finiture optional in carbonio e addirittura ceramica. Per non farsi mancare nulla.