Aria vintage auto al Motor Show 2016. Gioielli da red carpet’, questo sono le auto in esposizione dal 3 all’11 dicembre al salone bolognese. Un’area di 4500 metri quadrati chiamata “Passione Classica” per raccontare al grande pubblico la storia della tradizione automobilistica italiana ed internazionale, un’esposizione ideata per celebrare il quarantennale del Motor Show.

Passerella di stelle. Il fascino di automobili che raccontano la storia delle quattro ruote. Per citarne alcuni, Museo Alfa Romeo, Musei Ferrari, Museo di Torino, che esporrà la storia dell’auto elettrica lunga oltre un secolo, il Museo Panini con le sue rarissime Maserati e per gli appassionati del genere ci saranno sia il Museo della Polizia di Stato con auto e moto mai esposte prima e il Museo delle Forze Armate Italiane, per la prima volta al Motor Show con i modelli storici utilizzati dall’Esercito nelle missioni in Italia e nel mondo.

Tra i protagonisti anche ACI Storica, e ASI che presenterà alcune auto della collezione Bertone ed i registri di marca Alfa Romeo 6C, ASA, Lancia Delta, Stanguellini e Ford Mustang. 

Presenti anche collezioni private, tra queste la Collezione Lopresto presente con le proprie auto e con un contributo per il centenario della nascita del grande designer Francesco Scaglione, la mitica collezione Righini, la Collezione Lamperti, con la rarissima Fulvia Zagato Cabrio, la Collezione Kaiser con cinque rarissimi esemplari e la Collezione Fumagalli, che arriva al Motor Show con le sue preziosissime Vespe e con la riproduzione di uno stand del brand del 1950.

Presente anche Zagato con una rarissima Porsche e la collezione RD con quattro imperdibili auto da corsa degli anni 70/80.

Ospite d’onore anche la più importante rassegna di auto d’epoca in Europa, il Siha di Essen, con tre rarissime vetture per un ideale gemellaggio italo-tedesco. Anche le case automobilistiche ci faranno viaggiare nel tempo esibendo i propri storici modelli: da FCA Heritage con i modelli Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia, PSA con Citroen, DS e Peugeot, e poi Jaguar, Land Rover, Lamborghini e Mercedes.