Una fugace apparizione al Salone di New York, prima della presentazione ufficiale a Shanghai. Mercedes Classe S restyling svela nuovi dettagli sui contenuti che caratterizzeranno il nuovo modello, aggiornato con la suite di sistemi di assistenza alla guida e automazione Intelligent Drive, tra cui la possibilità di gestire dallo smartphone le manovre di parcheggio in spazi stretti. Nel corso della Media Night Mercedes a New York è stato confermato anche il rinnovamento del parco motori dell'ammiraglia.

Faranno il loro debutto le unità modulari, sei cilindri in linea, benzina e diesel. Nuova famiglia di propulsori della quale fa parte, ad esempio, il 4 cilindri turbodiesel 2 litri recentemente portato al debutto su Classe E. A ottobre 2016 Mercedes presentò i contenuti tecnici dei progetti destinati a sbarcare sotto il cofano dei modelli futuri e, variazione di architettura a parte, dal V6 al 6 in linea, sono anche altri i dettagli importanti da segnalare, legati all'elettrificazione.

Il 6 cilindri sarà dotato di compressore elettrico eZV per ridurre il turbo lag, di motorino di avviamento e alternatore integrati, sotto forma di un sistema alimentato da una rete a 48v e collocato tra motore e trasmissione, privo di collegamento a cinghia. Dovrà recuperare energia in frenata - i dati parlano di un recupero di oltre l'80% dell'energia altrimenti dispersa sotto forma di calore - e provvedere a dare spinta quando richiesta. L'unità 3 litri sei cilindri in questione era stata presentata come in grado di sviluppare oltre 408 cavalli e oltre 500 Nm, con una riduzione del 15% delle emissioni inquinanti, nella declinazione benzina. Il boost proveniente dal sistema ISG arriva a 20 cavalli e 220N e permette un ricorso più frequente alle fasi di coasting in rilascio del gas e spegnimento del motore termico.

Quanto alla variante turbodiesel, possiamo attenderci valori oltre i 310 cavalli e 650 Nm, con una diminuzione dei consumi - rispetto all'unità V6 3 litri oggi da 258 cavalli - pari al 7%. Un'altra novità sarà costituita dall'adozione del V8 biturbo 4 litri a benzina, dove oggi l'ammiraglia ricorre a un 4.6 litri con disattivazione di 4 degli 8 cilindri ai carichi parziali. La versione plug-in hybrid assicurerà un'autonomia di marcia in modalità elettrica di 50 km.

Una nuova grafica avranno i fari anteriori, con la tecnologia Multibeam a led - tre elementi per ciascun faro anziché il singolo attuale - abbinata agli abbaglianti Ultra Range.

LA GAMMA MERCEDES E IL LISTINO PREZZI