Honda Insight, la terza generazione della berlina ibrida è pronta. Arriverà sul mercato USA in estate, in Europa non è ancora chiaro se sarà commercializzata. Intanto al Salone di New York è stata presentata la versione di serie, che segue la concept mostrata a Detroit. Una concorrente diretta della più popolare Prius.

La piattaforma è la stessa di Civic, Honda compact global platform, che garantisce una guidabilità di alto livello. Ovviamente adattata all'uso differente. Le sospensioni sono raffinate, McPherson all'anteriore e multilink al posteriore. Il peso del powertrain ibrido è in n parte mitigato dal cofano in alluminio.

Il sistema propulsivo di Insight è composto da un 1.5 litri benzina a ciclo Aktinson e due motori elettrici. Uno che agisce in sinergia col termico e uno che funge da alternatore. Completa il quadro una batteria al litio da 60 celle. Poste sotto il divano posteriore non rubano spazio: notevole il passo, 2,7 metri, che dovrebbe garantire una buona abitabilità.

La potenza complessiva è di 151 cavalli e la coppia erogata di 267 Nm. Lo scopo è di fare lavorare il meno possibile il motore benzina, che a basse velocità dovrebbe fungere da generatore per le batterie o gli altri due propulsori. La percorrenza media dichiarata è di 23,4 km/litro. I settaggi di guida sono Normal, Eco e Sport. E’ regolabile dal volante anche l’intensità del recupero di energia in frenata.

La dotazione è di livello. Tre allestimenti, LX, EX e Touring, di serie su tutti fari a led, cerchi in lega da 16”, il pacchetto Honda Sensing che include numerosi sistemi di assistenza alla guida. Quali Forward Collison Warning (FCW), Collision Mitigation Braking System (CMBS), Lane Departure Warning, Lane Keeping Assistance System, Road Departure Mitigation, Adaptive Cruise Control with Low-Speed Follow e Traffic Sign Recognition. Di serie anche i display da 7 pollici del quadro strumenti e da 8” dell'infotainment, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto.