Tesla ha presentato la supercar a batterie, ma la propulsione elettrica sta contagiando anche i segmenti SUVfuoristrada. La B1 è il primo prodotto della Bollinger Motors, azienda newyorchese fondata da Robert Bollinger.

Si tratta di un SUV nato per l'off-road, con un design molto essenziale. Davvero squadrato e spigoloso, che ricorda da vicino l'iconica Land Rover Defender e un po' meno anche la Jeep Wrangler. Non originalissima in questo, ma di certo fa capire subito quale sia la vocazione della B1.

Le proporzioni celano dimensioni da compatta. La Bollinger B1 è lunga solo 3,81 metri, molto meno di una compatta Jeep Renegade. Di fatto è grande come una Mini: con un passo di 2,66 metri, larga 1,94 e alta 1,86. L'altezza libera dal suolo sfiora i 40 centimetri. E' dotata di un telaio in alluminio che pesa solo 134 kg: la massa totale è di 1770 kg. La ripartizione dei pesi è 50:50.

E' spinta da due motori elettrici, uno all'anteriore e uno al posteriore, che erogano 367 cavalli e una coppia di 640 Nm. Disponibile subito, questa qualità si prospetta come utilissima nell'offroad. L'accelerazione da 0 a 100 km/h si completa in circa 4"5 e la velocità massima è di oltre 200 km/h.

Numeri molto interessanti. L'autonomia dipende da quale tipo di batterie di ioni di litio di scelga. Con con quella da 60 kWh è di 190 km, con quella da 100 kWh di 320 km.

La Bollinger B1 è dotata di sospensioni ad aria, di assetto regolabile elettricamente e di barre anti-rollio disinseribili. Come le Tesla è ordinabile, ma arriverà nel 2018, con un prezzo di circa 60.000 dollari.