Nonostante dal 2009 si corra in Sud America e non più in Africa, la Dakar ha mantenuto non solo il nome ma anche un fascino unico. Rimanendo il più raid più prestigioso al mondo. Dal 4 al 20 gennaio si corre la 40esima edizione e Mini, con quattro vittorie consecutive dal 2012 al 2015, è ben decisa a interrompere la dominazione Peugeot delle ultime due edizioni.

Per farlo ha presentato una nuova, impressionante vettura, la John Cooper Works Buggy che correrà sotto le insegne del team X-Raid affiancando le già note JCW Rally. La nuova belva per le dune è dotata del motore twinpower turbodiesel da tre litri con 6 cilindri in linea da 340 cavalli, in grado di sviluppare una coppia massima di 800 Nm. Abbinato, novità assoluta, alla sola trazione posteriore.

Un vero e proprio prototipo che ha nulla da spartire, o quasi, con le auto di serie. Il telaio tubolare in acciaio è stato progettato appositamente, la carrozzeria è realizzata in plastica rinforzata con fibre di carbonio (CFRP) e kevlar riveste il telaio, mentre l’aspetto esterno tipicamente “buggy” è stato progettato in stretta collaborazione con Mini Design e ottimizzato dal punto di vista aerodinamico.