Il 5 marzo, alla vigilia del Salone di Ginevra 2018, va in scena il tradizionale appuntamento con il premio Car of the Year, di cui è il nostro magazine è unico organizzatore italiano. Ma oltre alle sette finaliste dell'Auto dell'Anno ci sono molte altre vetture che sono state capaci di esaltare la nostra passione per i motori. Soprattutto sportive e supersportive, giocattoli esclusivi e capolavori di meccanica. Ecco il "best of" (in ordine alfabetico per marchio) di quello che abbiamo provato in questo lungo 2017


Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Francesco Forni

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Perché? Meglio un diamante con un difetto che un sasso senza, diceva Confucio. La Giulia da 510 cavalli ha più di una pecca, ma emana personalità, regala emozioni fortissime quando la si porta al limite. Ma resta un bisturi sulla strada, anche andando a passeggio. Chiunque la può guidare "facile", godendo come su nessun'altra berlina. Non ci sono i fari a led, l'infotainment è modesto. L'imperfezione fa parte della vita, non c'è l'algoritmo risolutivo. La Giulia esalta: poche auto sono riuscite a farlo con me.

Alfa Giulia Quadrifoglio: la prova strumentale