Citroën Méhari compie 50 anni. Allora al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova ne vengono esposti due modelli proprio per celebrare l'anniversario. Costruita in quasi centocinquantamila esemplari per circa vent'anni, la Méhari ha esordito anche in versione a trazione integrale servendo l'esercito francese ie la Gendarmerie; dieci di loro si sono rivelate anche preziose auto mediche nella celebre Parigi-Dakar.

Simbolo di libertà e di uno stile di vita semplice e spensierato, la Méhari è diventata rapidamente un fenomeno sociale. Vanta anche una grande carriera cinematografica e avventure sulle strade del mondo come il Raid Liegi-Dakar-Liegi nel 1969 o il Raid Parigi-Kabul-Parigi nel 1970. Versatile, pratica ed economica, la Citroën Méhari era la compagna ideale per le gite al mare, grazie all’ingegnosa carrozzeria in plastica ABS, che la rendeva leggera (525 kg), insensibile alla corrosione e totalmente lavabile con un getto d’acqua.

Spinta da un motore a due cilindri contrapposti, raffreddato ad aria analogo a quello delle Citroën Dyane6 e 2CV 6, la Méhari viaggiava sul filo dei cento km/h e percorreva mediamente venti chilometri con un litro di benzina.