Quattro stazioni buone per marcare un record: i caricatori rapidi più veloci sul mercato. EvGo lancerà entro il prossimo mese di giugno le postazioni in California e andranno a sommarsi alla rete di oltre 800 colonnine dell'azienda diffuse sul territorio statunitense. Saranno in grado di erogare fino a 350 kW, più del doppio di un Supercharger Tesla, che si attesta tra i 120 e 135 kW, mentre la differenza con le stazioni CHAdeMO e CCS è ancora maggiore, fermandosi questi due standard a 50 kW.

Un primato tecnico che per essere sfruttato appieno necessiterà dei corrispondenti caricatori a bordo in grado di gestire un surplus energetico tale da richiedere adattamenti importanti. Toccherà alle future generazioni di elettriche dotarsi per far fronte a una strada che, al momento, rappresenta una visione, condivisa anche in Europa da BMW, Ford, Daimler, Audi e Porsche, impegnati in un progetto di sviluppo di stazioni ultraveloci.

«EVgo è concentrata esattamente sui bisogni dei nostri clienti, che chiedono caricatori più veloci in più aree. La stazione ad alta potenza collocata vicino al Termometro più alto del mondo è un importante passo per l'industria dei veicoli elettrici, poiché questo nuovo standard aprirà il mercato a un pubblico più ampio. Quando aprirà nel 2017, gli utenti di auto elettriche sperimenteranno un nuovo livello di libertà», ha commentato Terry O’Day, vice presidente di EVgo.

Le postazioni saranno installate a Baker, California, all'ombra dei 41 metri del termometro dei record. In soldoni, poter ricorrere a una postazione da 350 kW e sfruttarne in pieno il potenziale, significa avere in meno di 4 minuti l'energia a bordo per coprire 100 km, dato un consumo di 12,7 kWh ogni 100 km. Un risparmio di tempo notevole se si considerano i 21 minuti necessari per ottenere la stessa autonomia da un caricatore DC da 50 kW e i 10 minuti richiesti ricorrendo a una colonnina da 150 kW.