C'è una differenziazione marcata di stile, una diversa percezione del brand, che vanno oltre la condivisione tecnica che porta alla nascita di Opel Grandland X. Un pianale moderno come l'EMP2 del gruppo PSA dà vita a un suv con dimensioni da segmento C, una lunghezza inferiore ai 4 metri e mezzo (4,48 per la precisione), per tuffarsi in un mercato altamente competitivo, che vale il 20% di quota in Europa, dal 7% appena del 2010. Le prime immagini di Opel Grandland X regalano un prodotto dal frontale dinamico ed elaborato, che ruota intorno ai fari full led adattivi e l'ampia calandra. I profili silver dei baffi accanto al logo Opel sono richiamati sul paraurti, completato da inserti protettivi a contrasto, diffusi sull'intero perimetro del suv. 

I fari posteriori evocano il mondo Opel Astra, il gioco tra montante C e cromatura superiore dell'arco dei finestrini, invece, crea movimento e mette in risalto l'effetto "sospeso" del tetto. Il trattamento bicolore della carrozzeria farà parte delle gamma di tinte a richiesta. Restando sullo stile, cattura lo sguardo l'alternanza in coda di superfici scavate e piene, su un portellone ad azionamento automatico, tramite gestures (514 litri il volume di carico, espandibile a 1.652 litri con gli schienali dei sedili posteriori abbattuti).

In 4 metri e 47 di lunghezza troviamo un passo di 2 metri e 67 centimetri, su una larghezza di 1 metro e 84 centimetri, adeguata per ospitare a bordo cinque passeggeri. La posizione di guida beneficia di un'altezza complessiva di 1 metro e 63 centimetri e le sedute ripropongono la conformazione ergonomica certificata da AGR, con sistema di riscaldamento diffuso sia anteriormente che posteriormente. 

Un abitacolo sobrio per Opel Grandland X, che va ad affiancare altri due prodotti assimilabili alla famiglia di crossover/suv del marchio tedesco, sebbene con dimensioni inferiori: Mokka X e Crossland X. L'infotainment offrirà prevedibilmente l'integrazione con Apple CarPlay tra i suoi punti di forza, in attesa che a ridosso del Salone di Francoforte arrivi la conferma, così come sulle unità motrici turbo benzina e diesel che troveremo sotto il cofano. Conferme offerte sulla presenza dello spazio per la ricarica wireless degli smartphone e sui servizi Opel OnStar, evoluti con la prenotazione dell'hotel tramite booking.com e la ricerca degli stalli di parcheggio liberi. Funzioni di "assistente personale" da sommare alla chiamata d'emergenza automatica, le indicazioni sulla navigazione e l'assistenza in caso di guasti offerta dal servizio clienti dedicato.

I sistemi di assistenza alla guida annunciati da Opel su Grandland X comprendono l'assistente al parcheggio avanzato, il cruise control attivo con rilevamento dei pedoni, la frenata automatica d'emergenza, il sistema di prevenzione dei colpi di sonno. L'incremento della sicurezza di marcia inizia ancor prima, passa da una visibilità migliore, assicurata dai fari adattivi full led, autolivellanti, con modalità cornering per illuminare al meglio l'interno della curva e in grado di passare automaticamente agli abbaglianti o anabbaglianti in funzione delle condizioni di marcia. Una telecamera, inoltre, proporrà sul display dell'infotainment la visione a 360° intorno al veicolo.

A ottimizzare la trazione, infine, sarà presente il selettore Grip Control: 5 differenti modalità d'utilizzo in funzione del fondo da calcare. L'elettronica gestirà la quota di slittamento delle ruote anteriori e provvederà a ottimizzare anche il punto di cambiata nelle configurazioni motore-trasmissione che prevedono il cambio automatico 6 marce. L'uscita di Opel Grandland X sul mercato è fissata per il prossimo autunno. 

LA GAMMA OPEL E IL LISTINO PREZZI