Il mondo dei motori, e anche quello delle grandi aziende, si sta legando sempre più spesso all’universo degli eSports vista la crescita esponenziale che le discipline sportive virtuali stanno avendo a livello globale.

Visti tutti questi dati, Ford ha deciso di lanciarsi in una nuova avventura iniziando a reclutare top player tra Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. Tutti questi giocatori gareggeranno sotto lo stemma Fordzilla ed esordiranno nella prossima edizione di Gamescom, il più grande evento europeo dedicato alla cultura del gaming.

Ford Transit Mark1 su Forza Horizon 4

Crescita esponenziale

Nel 2019 è prevista un'ulteriore crescita nel mondo degli eSports: il mercato mondiale dovrebbe generare ricavi per 1,1 miliardi di dollari, valore che presenta un incremento del 26,7% se paragonato al 2018. I numeri, che raramente mentono, però non si fermano qui: il pubblico convolto sarà di 453,8 milioni di persone, di cui 201,2 milioni appassionati di esports e 252,6 milioni di semplici curiosi o spettatori non abituali. Il dato più significativo riguarda però l’età media del giocatore tipo: sono infatti i trentenni i più attivi tra gli sportivi virtuali.

Ford coinvolta nella guida responsabile e videogiochi

Ford, da questo punto di vista, è stata sempre un’azienda all’avanguardia: la Casa dell’Ovale Blu, infatti, era già presente due anni fa a Gamescom con uno stand, mentre nella scorsa edizione venne presentato il nuovo Ford Ranger Raptor.

Forza Motorsport 7

Ma in quali giochi si cimenteranno i convocati della nazionale di Fodzilla? Uno sarà il famosissimo Forza Motorsport 7, sviluppato dalla casa produttrice Turn 10 Studios, interna a Microsoft Game Studios. Il franchise di Forza è il più venduto di questa generazione di console e riunisce tra le maggiori comunità di racing a livello internazionale. Questo perché tra i moltissimi appassionati che giocano ogni mese a uno dei games Forza, almeno un milione sceglie una vettura Ford.

Ford Mustang Need for Speed Payback, dal videogioco alla strada