E' una rivisitazione completa, quella pensata per Porsche Macan S da SpeedArt. Si trasforma in SP-390M il suv, con un tuning che dà decisamente nell'occhio. Assetto ribassato, elementi in fibra di carbonio sul paraurti, a sua volta integrato da un labbro supplementare, grafica dedicata sulla carrozzeria, nuove minigonne, fino a completare l'opera con un doppio spoiler al posteriore - il primo sopra al lunotto, il secondo poggiato sopra i gruppi ottici - un elemento sul paraurti che replica un diffusore e lo scarico con sistema di amplificazione del sound.

Poggia su cerchi diamantati da 22 pollici, Macan S, rinvigorita là dove non ce n'era certo bisogno: il motore. Il V6 3 litri biturbo a benzina eroga di serie 340 cavalli e 460 Nm a 1.450 giri/min, grazie alla centralina dedicata realizzata da SpeedArt, allo scarico sportivo e un diverso filtro dell'aria, si ottiene un incremento di 50 cavalli e 80 Nm, così da portare il totale a 390 cavalli e 540 Nm. Numeri da Macan Turbo 3.6 litri... 

L'iniezione di potenza ha effetti istantanei sulle prestazioni, con un miglioramento di 4 decimi sullo zero-cento, ridotto a 5"1, ancor più importanti sono i progressi sullo 0-200 km/h, riferimento sul quale si limano ben 3"5, portando a 19"5 il tempo necessario per portare la lancetta del tachimetro ben oltre i limiti di velocità. 

Adeguamenti all'assetto, con ammortizzatori e molle più rigidi e in grado di ridurre l'altezza da terra, unitamente a modifiche agli interni - non esattamente improntate all'eleganza e sobrietà - completano la rilettura del suv.

Porsche Macan GTS, la prova