Andare in giro con un fuoristrada capace di affrontare guadi profondi 1 metro, con le carreggiate ampliate di 30 centimetri rispetto a una "normale" Classe G e un'altezza da terra di 45 centimetri, è uno dei modi migliori per dare nell'occhio. Se la voglia di stupire va oltre, se non basta una Mercedes G 500 4x4², allora ci si può rivolgere a Mansory, per trasformare un oggetto da 233 mila euro in qualcos'altro. 

Largo alla fibra di carbonio, che non resta confinata su parte degli archi passaruota, ma si estende a macchia d'olio sulla carrozzeria. Cofano motore, con presa d'aria dedicata, cornici dei fari a led (nuovi) calandra con logo Mansory che manda in soffitta la Stella a tre punte, poi una slitta modificata, il tetto anch'esso in carbonio, le calotte degli specchietti, gli sfoghi d'aria ai lati del vano motore e dietro le ruote. E questo solo per limitarsi al frontale, visto che al posteriore si prosegue con lo spoiler integrato, la barra paraurti cromata, i fari con alloggiamenti in carbonio, al pari delle maniglie: del portellone e delle portiere. 

Di indubbia utilità la pedana retrattile, ad azionamento elettrico, che agevola l'accesso a bordo, dove si fa largo un ambiente rivestito totalmente in pelle, carbonio e tessuto con medesima finitura. Trasformazione realizzata a mano, completata dalla pedaliera sportiva e tappetini Mansory.

Mansory Siracusa 4XX, stravolta la 488 GTB

La ciliegina sulla torta dell'elaborazione è un sottile intervento sul motore V8 4 litri biturbo. Grazie a una nuova elettronica e uno scarico sportivo, la potenza sale di 63 cavalli (485 in totale) e 100 Nm.