Veloce, Alfa Giulia, lo è per allestimento e contenuti, con i 280 cavalli del motore 2 litri turbo benzina a spingere forte, 240 orari e 5”5 sullo 0-100 km/h.

Da Veloce diventa "Velocissima" con le cure di Pogea Racing. Un tuning elettronico, interviene sulla centralina e spinge il 2 litri a 315 cavalli, 35 più della specifica di serie. Un incremento sostanziale di potenza, abbinato a un extra di coppia da ben 100 Nm, per complessivi 500 Nm da scaricare sulle ruote posteriori e con un sound “curato” dallo scarico MonsterExhaust con valvole attive.

I 20 tuning più estremi di sempre: FOTO

Non rivela le prestazioni alla luce dell’intervento di elaborazione, il tuner tedesco. Maggior potenza e coppia meritavano un affinamento delle doti dinamiche di un progetto già al vertice del proprio segmento. Così, molle più corte e rigide per ridurre l’altezza da terra e cerchi da 19 pollici, leggeri grazie alla costruzione per forgiatura, e gommati Michelin Pilot Super Sport.

Per quanti non dovessero essere ancora soddisfatti dell’incremento di potenza, Pogea riserva un pacchetto di sviluppo per Giulia Quadrifoglio che dai 510 cavalli del V6 2.9 litri porta la cavalleria a 610 cv.