Presentazione

Che non sia una vettura come tutte le altre lo si evince piuttosto facilmente, pare una concept realizzata appositamente per le riprese di un film di fantascienza. Che invece sia una BMW, quello è abbastanza chiaro non appena la guardi negli occhi, con quelle sue solite e inconfondibili narici bavaresi. Ma considerata la quantità di domande, dubbi e curiosità a cui abbiamo dovuto rispondere alle persone durante quel paio di settimane spese assieme alla i3, ci sembra doveroso introdurre questa prova su strada in maniera un po' diversa dal solito: con una brevissima “FAQ” (le 6 domande poste più frequentemente), per capire meglio che cosa sta vendendo in questi giorni BMW nelle sue concessionarie.

1) È totalmente elettrica? Sì, ma volendo c'è anche la versione Range Extender che per circa 4.600 euro in più ti fornisce nel baule il bicilindrico dello scooter BMW C650 che fa da generatore: così raddoppi l'autonomia.

2) Ma con questa che è solo elettrica quanta strada faccio? Circa 120 chilometri.

3) E se poi rimango a secco? Devi per forza trovare una colonnina di ricarica e attaccare la spina, oppure chiamare il service BMW che arriva con una sorta di booster che in qualche decina di minuti ricarica quel tanto che basta per tornare a casa.

4) Ma è lenta come un golf-kart? Va più forte di quanto si possa immaginare. Fa 0-100 in 7,2 secondi e al semaforo te la giochi con una 120d! E poi è trazione posteriore proprio come le altre BMW...

5) Costa tanto? Parte da 36.500 euro ma full optional 50mila. Però ha la scocca in fibra di carbonio, componenti in alluminio e compositi, la costruiscono in una moderna fabbrica ecosostenibile a Lipsia con nuovi processi di produzione.

6) Perché dovrei comprarla? Se hai già in garage una macchina “normale” per andare in vacanza o fuori città nel weekend, con questa ci giri in centro tutta la settimana, vai dove vuoi ed è terribilmente più “cool” di tutte le altre elettriche in circolazione...

Perché in effetti forse è questo il succo del discorso. BMW ci ha visto giusto nel voler azzardare una strategia elettrica puntando su un prodotto indiscutibilmente premium per prezzi, contenuti e il linea con il “peso” del marchio. La i3, di fatto, è l'ideale seconda macchina da città per tutti coloro che sono incuriositi da un'elettrica, o magari ne hanno reale necessità per questioni di accesso ai centri storici, ma finora non avevano trovato un prodotto altrettanto raffinato, senza nulla togliere alla efficiente Nissan Leaf che di euro alla fine dei conti non ne costa un'infinità di meno (da 24.790 a 36.909 euro). Certo la i3, come tutte le elettriche, è un prodotto prematuro nel senso che nell'uso quotidiano ci si scontra, qui in Italia, con la carenza delle infrastrutture e la velocità di ricarica. Ma se le elettriche prenderanno piede, BMW con la sua lungimiranza avrà già anni di esperienza e know how in materia...