La BMW M2 con i suoi 370 cavalli del suo performante 6 cilindri turbo, il look aggressivo e ovviamente doti stradali di primissimo livello, è già una sportiva purosangue. Una "M" con i fiocchi, che ricorda le M3 di venti anni fa, per vocazione, e che non ha molti complessi di inferiorità rispetto alla "regina" M4.

Ma nella "fabbrica bavarese di motori" non stanno certo con le mani in mano e avrebbero nel cassetto la BMW M2 GTS, la versione alleggerita e corsaiola che sublimerebbe il concetto. Quindi fibra di carbonio a profusione, assetto ancora più estremo, un pacchetto di soluzioni tecnologiche e un aumento di potenza dei sei cilindri in linea sovralimentato sino alla soglia dei 400 cavalli. E probabilmente un'accelerazione da 0 a 100 km/ sulla soglia dei 4 secondi.

Anche i pezzi grossi. Potrebbe tornare la Serie 8, al posto della non esaltante (nelle vendite) Serie 6, che però potrebbe rimanere come Serie 6 GT, quale variante della Serie 5.