Non avrà i cavalli di una Veyron, non avrà la complessità tecnica di una power unit ibrida, ma SCG003S sa essere ugualmente convincente. Sigla da codice fiscale, criptica, meglio spiegarla così: Scuderia Cameron Glickenhaus 003 S. Ovvero, l'idea "folle" di un progetto di auto nata per la pista, la 003C -impiegata alla 24 Ore del Nurburgring 2015, motorizzata Honda V6 3.5 litri biturbo e realizzata dalla Manifattura Auto Torino - che potrà mettere le ruote in strada.

Dal Nurburgring si è andati oltre, verso la 003S (Stradale), che sarà prodotta sempre negli stessi stabilimenti italiani, su richiesta ovviamente. Cosa la caratterizza? Tecnicamente c'è un motore twin turbo da 4.4 litri, V8, forte di 760 cavalli e in grado di raggiungere i 350 km/h, con un'accelerazione da zero a cento orari in meno di 3 secondi. Sono i primi dettagli dell'auto che scopriremo a Ginevra. Ce n'è un altro, impressionante, di numero da registrare: 2G. Trattasi di forza centrifuga generata in curva, la più alta tra le auto stradali, promettono in SCG. 

L'aerodinamica è spinta tanto quanto quella della SCG003C, la cura nella gestione dei flussi lungo tutto il corpo vettura è evidente dalle forme svelate online: passaruota ventilati, ampi canali per indirizzare verso le masse radianti l'aria, un'ala raccordata con la pinna longitudinale, in stile prototipo da LMP1. Tanti altri dati potrebbero raccontare le potenzialità del progetto, dalla rigidità torsionale ai valori di carico aerodinamico generati, tutti numeri che arriveranno in prossimità del salone elvetico.