Il COVID-19 ha solo rallentato il programma di elettrificazione di Maserati, non interrotto. Il progetto della nuova Ghibli, atteso perché primo tassello sul piano industriale 2021-2023, è praticamente pronto, ma rimasto senza data di debutto dopo la cancellazione del Salone di Pechino.

Almeno fino ad oggi. La Casa del Tridente ha annunciato la data di lancio della berlina che rappresenta una pietra miliare nella sua storia: il 15 luglio, su il sipario sulla Maserati Ghibli ibrida, la prima modense a batterie.

Ibrida ok, ma secondo quale declinazione? Secondo i rumros che hanno accompagnato i teaser condivisi dalla Casa e le speculazioni fatte osservando i muletti in fase di test, la berlina potrebbe nascere in versione mild hybrid, con un modulo a 48 volt abbinato alla gamma esistente.

L'ipotesi più calda, invece, prevede l'accantonamento dei V6 per passare a un'unità dal frazionamento e dalla cubatura più piccola, ovvero un nuovo 2.0 turbo benzina abbinato a un motogeneratore elettrico, alimentato a batterie agli ioni di litio, installato tra motore e cambio da almeno 330 cavalli. Mentre ancora non è chiaro se ci si spingerà oltre, addirittura presentandola in versione plug-in.

Il rilancio del Tridente, dunque, inizia tra un mese, con il lancio del primo modello dei dieci anticipati dal piano di Mike Manley. Dopo la Ghibli, il focus si sposterà a settembre, sulla attesissima sportiva a motore centrale MC20 (non perdete il prossimo numero di Auto in uscita, abbiamo una ricca anticipazione...) il SUV medio, la versione di serie del concept Alfieri, declinata anche in variante spider, la prossima Quattroporte e la seconda generazione del Levante.

Non resta che aspettare la presentazione online del 15 luglio per conoscere, finalmente, tutti i dettagli della ripartenza elettrica targata Maserati.

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto