Non potranno necessariamente essere le solite vacanze a cui tutti eravamo abituati: ma gli italiani si apprestano ad iniziare la stagione estiva con la voglia, e la possibilità, di mettersi l'incubo alle spalle e progettare qualche giorno fuoriporta senza pensieri. Un'occasione per ripartire e riprendere a viaggiare a bordo della propria auto.

BONUS VACANZE: A COSA SERVE

Lo ha previsto il Governo stesso, inserendo nel Decreto Rilancio il cosiddetto bonus vacanze, fissato a un massimo di 500 euro, utile a coprire le spese che verranno sostenute per alberghi, hotel, B&B e agriturismi. Per l'80% se ne usufruisce sotto forma di sconto per i servizi ottenuti dal fornitore e per il restante 20% come detrazione di imposta sulla dichiarazione dei redditi.

Nel listino dell'usato di Auto, tante occasioni da non perdere a portata di click!

COME E CHI LO PUò RICHIEDERE

Al bonus vacanze possono accedere tutti i nuclei familiari con reddito ISEE non superiore ai 40.000 euro, e vale per spese effettuate tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2020. In questo stesso periodo di tempo va fatta anche la richiesta, tramite l'app "IO" del servizio della Pubblica amministrazione PagoPa. Dopo l'ok ottenuto, la cifra viene caricata sull'app con l’importo e il QR Code associato da comunicare all'albergatore, che provvederà ad inserirlo con il corrispettivo dovuto in una sezione apposita del sito dell'Agenzia delle Entrate: ed è che lì verrà calcolato lo sconto cui si ha diritto.

RC auto familiare, il risparmio è pesante

UN PAIO DI PRECISAZIONI

Da precisare che la copertura da 500 euro vale per i nuclei familiari superiori a 2 persone. Se la famiglia è composta da 2 persone, si scende a 300 euro, che diventano 150 nel caso di un singolo individuo (famiglia mononucleare). Può essere usufruito anche da una persona diversa dal richiedente, ma deve far parte dello stesso nucleo familiare.

Auto post quarantena: tutto su scadenze e pagamenti dei documenti di circolazione

Da sottolineare, inoltre, come il bonus - che vale esclusivamente per i servizi offerti dalle strutture alberghiere - non vale per intermediari e piattaforme di prenotazione. Naturalmente, qualunque spesa dovrà essere documentata ufficialmente con fatture o ricevute fiscali contenenti il codice fiscale di chi ne ha usufruito.