Non capita sempre, ma qualche volta, entrando nell’abitacolo di un’auto, avverti chiara una sensazione di benessere diffuso. Ti senti accolto, avvolto, una percezione sensoriale quasi inconsapevole, che sulle prime non attribuisci a nulla in particolare. È così, non sai il perché ma ti fa star bene. Ovviamente, però, nulla è casuale.
Lo sanno bene in Mazda, dove la ricerca del particolare, la cura e la scelta dei materiali, hanno un’importanza a dir poco maniacale. L’armonia degli elementi, la percezione tattile, diventano una forma d’arte che si esplica attraverso un approccio al design degli interni molto raffinato, di tipo artigianale.

LA DEMOCRATIZZAZIONE DELLA QUALITÀ

Un modus operandi, che la Casa di Hiroshima applica a tutti i modelli in gamma. Una cosa non banale, perché, se da un lato tutto questo può essere scontato sugli allestimenti top, o sulle auto di categoria premium, non lo è affatto, ad esempio, su una piccola segmento B come l’ultima Mazda2, dove si ritrovano sensazioni quasi da “ammiraglia” che non ti aspetti. Il video in basso, realizzato in occasione del centenario della nascita di Mazda, ci aiuta a comprendere meglio questo aspetto della filosofia costruttiva del brand.

SEDUZIONE

I modelli Mazda, dunque, sono sempre più apprezzati, non solo per il loro design raffinato, quel linguaggio Kodo che punta dritto all’essenza delle cose, ma anche per la "pelle" che lo avvolge, internamente ed esternamente. Vernici e materiali, che esprimono qualità senza compromessi e un piacere che sa andare oltre la superficie degli occhi. Anche attraverso particolari all’apparenza insignificanti. Pensate, ad esempio, alle cuciture degli interni in pelle: durante la fase di progettazione, alla ricerca della più pura espressione di qualità e raffinatezza, il team di designer e progettisti studia articoli di marchi esclusivi, solo per vedere come viene curata al meglio l’impuntura. 

Il risultato di tutto questo, come dicevamo, forse si percepisce solo in maniera inconsapevole ma... la prossima volta che sali su una Mazda, usa le mani. E facci caso.

Mazda corre veloce: analisi di un successo