Mentre nel deserto del Nevada si lavora alacremente per ultimare la fantascientifica Gigafactory Tesla, Daimler annuncia la costruzione di una seconda fabbrica dedicata alla produzione di batterie agli ioni di litio a Kamenz, in Sassonia, a fronte di un investimento di 500 milioni di euro e che sarà inquadrato sotto la sussidiaria Accumotive. La realizzazione dello stabilimento, che diventerà uno die più grandi e moderni in Europa, si inserisce nella strategia di eletrificazione della gamma Mercedes.

Entro il 205 la nostra gamma sarà composta anche da dieci veicoli elettrici – ha dichiarato il dott Thomas Weber, membro del board Daimler - E al tempo stesso continuiamo a sviluppare l’ibrido con l’introduzione di sistemi a 48 volt. Quindi le batterie ad alta efficienza sono un aspetto fondamentale della nostra strategia. Sono una parte integrante del veicolo e lo sviluppo, la produzione e l’integrazione di questi complessi sistemi è una delle nostre principali competenze”.

Esempi tangibili del nuovo corso Mercedes si sono visti all’ultimo Salone dell’Auto di Parigi, dove oltre all’intera gamma Smart, il marchio di Stoccarda ha svelato la concept sport utility EQ, sigla che diventerà un vero e proprio brand, identificativo della futura gamma elettrica. Il modello di serie del Suv arriverà sul mercato entro la fine del decennio e avrà un’autonomia di 500 km: le batterie saranno prodotte nel novo stabilimento di Kamenz, che diventerà operativo nel 2018 e sarà costruito in maniera totalmente eco-compatibile.