Self service a metano in Italia, la prospettiva sta diventando verosimile. Dopo aver superato il vaglio della Commissione Europea il  28 gennaio, il Ministero dell’Interno e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno fimato, lo scorso 21 febbraio, lo schema di decreto, che modifica il testo attualmente in vigore della norma inerente l’esercizio degli impianti di distribuzione stradale del gas naturale per autotrazione.

In sostanza la modifica permetterebbe il rifornimento di metano in modalità self service. Una volta pubblicata in Gazzetta Ufficiale, la nuova norma entrerà in vigore dopo 30 giorni e plausibilmente entro marzo 2019.

Il punto successivo riguarderà lo sviluppo di un data-base di utenti on line. Al quale accreditarsi e dove creare e indicare, con un apposito tutorial, tutti i passaggi chiave del rifornimento.

Si prospettano novità importanti in Europa: il self-service per il metano è quasi "full". Ovvero disponibile 24 ore su 24, ma a volte limitato dal possesso di una card.

Al momento i distributori in Italia sono circa 1300: 217 in Emilia Romagna, 186 in Lombardia, 162 in Veneto. Potrebbe rivelarsi uno stimolo per rilanciare le vendite di auto a metano compresso CNG (Compressed Natural Gas) .