Mentre la scena era tutta di Porsche Taycan, Elon Musk, su Twitter, annunciava la sfida: Tesla Model S andrà al Nurburgring. Certo non per una passeggiata nel verde dell’Eisel, piuttosto, l’obiettivo chiaro è misurarsi con il cronometro. Taycan Turbo S è la berlina elettrica stradale più veloce sulla Nordscheife, con il 7’42” realizzato nelle scorse settimane.

Punta a far meglio e, per riuscirci, Tesla sta sviluppando una versione evoluta: sarà Tesla Model S Plaid, specifica destinata anche a Model X e Roadster, mentre Model 3 e Model Y resteranno escluse dal trattamento Plaid.

Leggi anche: Taycan-Model S, super elettriche a confronto

Come confermato da Musk, il powertrain utilizzerà una configurazione a tre motogeneratori, con un prevedibile incremento di potenza rispetto al dato attuale di oltre 760 cavalli di picco. Potenza da sfruttare in altre condizioni di guida che non in uno zero-cento già prossimo al limite fisico dell’aderenza possibile per un'auto stradale, prova nella quale Model S vale già un crono ufficiale tra i 2”4 e 2”6.

AL NURBURGRING UNA MODEL S 7 POSTI

Tra le anticipazioni giunte via Twitter anche la configurazione interna della Model S che verrà impiegata al Nurburgring: avrà 7 posti, con i due jump seats nel bagagliaio. Così, un primato sarà certamente assicurato: la berlina 7 posti più rapida al Nurburgring. In una rincorsa al tempo che crea sempre più specializzazioni di nicchia e dubbio interesse.

Un tempo record, nel frattempo, Model S Plaid - in quela che è una configurazione prototipo, di sviluppo - l’ha ottenuto girando in 1’36”555 a Laguna Seca.

Prima dell’avvio della produzione della specifica Plaid ci vorrà ancora un anno, nelle prossime settimane sono attese ulteriori indicazioni sulla tecnica che caratterizzerà la berlina più potente – e certamente più costosa, sebbene Musk abbia dichiarato resterà al di sotto del prezzo della concorrenza – lanciata da Tesla.