Novità per il car sharing a Roma. Ad annunciarlo in queste ore il sindaco Raggi, ma già lo scorso 27 dicembre la Giunta capitolina aveva approvato le nuove linee guida sullo svolgimento dei servizi di sharing. L’entrata in vigore di queste nuove modalità è fissata per il 1° maggio. I cambiamenti più importanti riguardano sconti sul canone per chi opera nelle aree periferiche oltre a nuovi parcheggi riservati al servizio di car sharing.

Incentivare il servizio

Queste novità, stando a quanto dichiarato dal sindaco di Roma, hanno lo scopo di incentivare il sistema di trasporto sostenibile del car sharing per alternarlo sempre di più all’utilizzo dell’auto privata. Ci sono, però, alcune zone periferiche della città non coperte dal servizio: le nuove direttive avranno il compito di renderlo più flessibile e capillare, introducendo tariffe agevolate per quei gestori che hanno intenzione di allargare la propria area di copertura. Un progetto graduale che ha come obiettivo finale l’azzeramento del canone proprio per chi opera nelle zone più periferiche.  

Aree di sosta riservate

Non solo. Dal 1° maggio 2020 dovrebbero essere create nuove aree di sosta (non solo in zone centrali, ma anche in punti strategici quali parcheggi di scambio, metro e stazioni) riservate al car sharing. Tra i compiti degli uffici competenti, inoltre, c’è quello di individuare le cosiddette “isole della mobilità”. Si tratta di aree dedicate a diversi servizi di mobilità sostenibile che interessino non solo il car sharing, ma tutti i noleggi di mezzi, dagli scooter alle biciclette. Infine, altra novità assoluta ma che sarà obbligatoria dal 1° gennaio 2021, per la prima volta i gestori dovranno garantire standard minimi di servizio relativi all’area minima da coprire e al numero minimo dei veicoli componenti la flotta. 

Blocco auto Diesel Roma: la punta dell'iceberg della criticità della mobilità