Basta uno sguardo per capire che dietro quel muso, dai tratti chiaramente spagnoli, si nasconde qualcosa di familiare. Un’occhiata ai fianchi, arrotondati e filanti, e ogni dubbio scompare: è proprio lei, l’Audi A4 uscita di scena nel 2007, aggiornata quanto basta, ma soprattutto equipaggiata con i nuovi turbodiesel common rail. In pratica è la migliore A4 della seconda generazione mai proposta sul mercato, disponibile però a prezzi scontati di un buon 30% rispetto al modello originario. Se qualcuno ha ancora dei dubbi sulle nobili origini della SeatExeo può sedersi al volante per capire che non solo il look, ma anche “l’anima”, sono di chiara derivazione germanica. Il posto guida, la plancia e l’abitacolo sono praticamente gli stessi della “vecchia” A4, con tutti i pregi e i vantaggi che ne conseguono. Quando poi si accende il motore e si mettono alla prova caratteristiche tecniche, maneggevolezza, prestazioni e tenuta di strada, tutte le sensazioni vengono confermate.
Sembra proprio di viaggiare su un’Audi, nel nostro caso la 2.0 TDI, equipaggiata con il 4 cilindri turbodiesel common rail di 2 litri da 170 cv, che si pone al vertice della gamma a gasolio: tocca i 229 km/h, passa da 0 a 100 km/h in 8”4 e percorre in media 17,2 km/litro. Queste prestazioni di tutto rilievo sono naturalmente accompagnate da un confort degno di un’Audi e da un comportamento stradale più che affidabile, grazie anche ai molteplici sistemi di controllo elettronico, ESP compreso, di serie su tutta la gamma. Del resto la dotazione è più che soddisfacente anche per la base”, la 1.6 Reference, dotata del 1600 a benzina da 102 cv e 190 km/h: costa 20.900 euro e monta di serie il climatizzatore bizona, l’impianto hi-fi con lettore MP3, gli alzacristalli e i retrovisori elettrici, i fendinebbia, sette airbag e il cambio manuale a 6 rapporti.
Al top della gamma si trovano le versioni 2.0 TSI Sport a benzina da 200 cv, 241 km/h e 26.985 euro e le 2.0 TDI da 170 cv: la Sport costa 27.850 euro e la più ricca Style è in listino a 28.085 euro. La gamma è completata dalla 2.0 TDI da 143 cv, che grazie al prezzo più conveniente (24.900 e 26.650 euro), alle buone prestazioni (214 km/h e 0-100 in 9”2) e ai consumi contenuti (18,2 km/litro) dovrebbe essere la preferita sul nostro mercato.
Tutta la gamma Exeo, disponibile in Italia a partire dal 9 maggio, è già in regola con le normative Euro 5. A queste versioni se ne aggiungeranno altre, fra cui la turbodiesel da 120 cv, mentre per ora non è previsto l’arrivo delle 4x4. A luglio debutterà invece la Exeo ST, la station wagon, che si annuncia molto interessante: costerà circa 1.500 euro in più della berlina.


Cerchi una Seat usata o km/0?