In una soleggiata giornata ai primi di marzo, il circuito inglese di Goodwood ha ospitato quattro stelle d'eccezione: due erano nere, quasi irriconoscibili, e sulle fiancate riportavano le sigle XP8 e XP10, ovvero le due "beta-test car" della nuova McLaren MP4-12C. Le altre due stelle, in carne ed ossa, erano invece Lewis Hamilton e Jenson Button, i due piloti McLaren campioni del mondo di Formula Uno (rispettivamente 2008 e 2009) che per un giorno hanno abbandonato il volante delle proprie monoposto di F.1 per prendere in mano quello della McLaren stradale.
In realtà questo test non era stato volutamente pensato affinché i due piloti fornissero un effettivo contributo tecnico allo sviluppo della vettura. Ma visto che loro stessi si sono definiti due "petrolheads" (traducibile come "teste di benzin"a, insomma dei veri impallinati) non si sono fatti pregare più di tanto per partecipare all'evento.
Ecco le loro dichiarazioni a caldo:
 
Button: " La 12C è veramente facile da guidare. L'abitacolo è confortevole e ti fa sentire parte integrante dell'auto. Il sedili di guida è molto comodo e la disposizione dei comandi assolutamente razionale. Mi piace il fatto che non ci siano pulsanti o levette sul volante. Scegli semplicemente la modalità di guida prima di partire, dopodiché puoi concentrarti sulla guida e basta.
Le doti dinamiche della vettura sono fantastiche sia alle basse sia alle alte velocità. Mi sono bastati pochi secondi per prendere confidenza con la macchina e dopo due giri di pista soltanto ero già in grado di spingere al limite fra le curve. Sono rimasto colpito dalla grande stabilità della vettura in curva alle velocità più elevate. Ma è molto rapida anche sul dritto. Infatti, il problema più grande per noi piloti di guidare una vettura in pista è che talvolta di scordi che è una stradale..."
 
Hamilton: "La 12C è una vera sportiva a misura di pilota, ha soddisfatto ogni mia aspettativa. La visibilità dal posto guida è eccellente. E questo lo puoi apprezzare soprattutto nelle curve più strette. Adoro la precedente McLaren F1 stradale e la nuova MP4-12C, come la antenata, grazie al parabrezza ampio e avvolgente consente di avere tutte le informazioni visive necessarie per disegnare traiettorie perfette.
Non appena ho conosciuto il test team McLaren per la vettura stradale ho capito subito che lo spirito che anima queste persone è lo stesso, competitivo al massimo, del mio team di F.1: siamo ossessionati dal vincere a facciamo di tutto perché questo accada. E se il team della 12C afferma che vogliono fare la miglior supercar sul mercato, allora sono convinto che sarà quello che accadrà davvero".
 
Ecco invece come ha commentato la giornata Dick Glover, direttore tecnico di McLaren Automotive:
 
Glover: "L'esperienza e i mezzi che il reparto F.1 può metterci a disposizione è una enorme possibilità e un vantaggio in più che abbiamo, grazie appunto al feedback che ci arriva dai nostri piloti e alla possibilità di poter usare il simulatore che viene impiegato nel reparto Formula Uno. Questa combinazione unica di fattori ci consente di accelerare lo sviluppo della vettura e soprattutto di garantire prestazioni e affidabilità.
Avere avuto poi l'opportunità di ricevere preziose informazioni da Hamilton e Button ha dato una grossa spinta alla nostra attività di sviluppo. Si sono divertiti un sacco nel guidare in pista la 12C. Il nostro obiettivo è quello di creare una sportiva che sia adeguata sia a piloti con grandissima abilità, sia a clienti meno esperti. Janson e Lewis hanno confermato che questo bilanciamento fra facilità di guida, confort e doti dinamiche è stato centrato in pieno."