È stata presentata ieri alla stampa la nuova Lamborghini Huracan GT3, la prima vettura di questa categoria ad essere sviluppata direttamente dalla Casa di Sant’Agata Bolognese, e fatti salvi i primi test di perfezionamento – che proseguiranno sempre sotto la supervisione di Giorgio Sanna - è ormai pronta al debutto che avverrà il secondo weekend di aprile a Monza in occasione della 3 Ore della serie Blancpain. Vi saranno schierate due vetture da parte del Grasser Racing Team, guidate da Fabio Babini, Adrian Zaugg, Mirko Bortolotti nonché (sotto il programma Young Drivers) Giovanni Venturini, Jeroen Mul e Andrew Palmer. Come tester ufficiali troveremo Edoardo Piscopo e Milos Pavlovic. Partner importante nella serie sarà la Pertamina, azienda petrolifera statale indonesiana. Per quanto riguarda la parte tecnica, la nuova Huracan GT3 (che si affianca al modello LP 620-2 SuperTrofeo) prevede un telaio ibridocarbonio+alluminio sempre con motore V10 a iniezione diretta e trazione posteriore come sulla stradale. Il cambio è sequenziale a sei rapporti e il peso raggiunto è di 1320 kg ripartiti 42/58 sui due assi anteriore e posteriore: ma per quello definitivo come per la potenza effettiva si vedrà cosa riserverà il Balance of Performance dopo i primi test ufficiali. «Abbiamo pensato ad ottenere la massima maneggevolezza in curva, ottimizzando il carico aerodinamico in modo da sfruttare quanto concesso dal regolamento», ha confermato l’ingegnere di Varano Gianpaolo Dallara, che ha collaborato al progetto dal punto di vista aerodinamico. Un dato già ufficializzato è il prezzo, che sarà di 369.000 euro franco fabbrica (tasse escluse). Al momento è prevista la realizzazione di 15 unità, delle quali 5 sono già state prenotate. Maurizio Voltini