Svela tutte le sue carte, nuova Renault Megane al Salone di Francoforte 2015. Non solo quelle della sportiva GT, curata da Renault Sport e con un motore turbo benzina da 205 cavalli, abbinato al cambio doppia frizione EDC 7 marce, ma anche quelle relative alla gamma che farà volume, le versioni con motori turbodiesel Energy dCi e i turbo benzina Tce. Ecco, saranno sei le alternative che da inizio 2016 arriveranno nelle concessionarie: 90, 110 e 130 cavalli per i turbodiesel, 1.5 e 1.6 litri, in attesa che arrivi poi il vivace 1.6 dCi 165 cavalli con cambio EDC 6 marce (optional sull'1.5 dCi 90 cavalli) variante per chi, la sportività di Renault Megane GT, la preferisce a gasolio. Altrettanti benzina subito in campo: Tce 100, 130 e 205 cavalli, in questo caso con l'EDC 7 marce di serie sull'1.6 più potente e optional sul turbo 130 cavalli. La vera novità per la famiglia Renault Megane, però, arriverà nel 2017, con una nuovissima ibrida diesel, accreditata di un consumo inferiore ai 3 litri/100 km. La fugace anteprima virtuale della quarta generazione di Megane aveva lasciato un po' di mistero sulle dimensioni della berlina, adesso sappiamo che è più lunga di 64 millimetri e tocca i 4 metri e 36 centimetri, più bassa di 25 millimetri (1 metro e 44) e un passo di 2 metri e 67, incrementato di 28 millimetri rispetto alla vecchia Megane. Misure che si ripercuotono favorevolmente sullo spazio a bordo, dove i passeggeri posteriori hanno, tra gli altri, 20 millimetri di comodità extra ad altezza gambe. Aumenta anche la capacità di carico nel bagagliaio, passando da 405 a 434 litri, senza contare i vani extra (25 litri in tutto) dentro l'abitacolo. La distribuzione della lunghezza aggiuntiva è stata pensata per slanciare l'auto, obiettivo riuscito grazie alla riduzione dello sbalzo posteriore. L'impronta visiva del retrotreno, invece, si avvantaggia non solo delle luci full led e dei proiettori tridimensionali, ma anche delle carreggiate ampliate.

Le foto di nuova Renault Megane

Gli allestimenti top di gamma avranno a disposizione numerosi accessori premium di serie, a cominciare dai fari full led anteriori, il rivestimento in pelle Nappa all'interno, sedili riscaldabili e un tappeto dall'effetto tridimensionale, sviluppato insieme ad Alcantara. La differenziazione sul versante dell'infotainment sarà tra un display TFT da 7 pollici e l'impianto R-Link 2 con tablet da 8.7 pollici e orientamento verticale, al quale si somma un head up display a colori a scomparsa, altra chicca derivata dai modelli di segmento superiore come Talisman ed Espace. Pensando alla sicurezza attiva e passiva, invece, si fatica a trovare un dispositivo assente, tra quelli comunemente offerti nel segmento: cruise control adattivo, frenata d'emergenza, avviso al superamento corsia, avviso al superamento dei limiti di velocità, riconoscimento segnaletica stradale, avviso di mantenimento della distanza di sicurezza, transizione automatica tra fari abbaglianti e anabbaglianti, parcheggio automatico e telecamera posteriore. Serve altro? Sì, qualcosa ancora non l'abbiamo raccontata. Il MultiSense, selettore capace di adeguare non solo la risposta di sterzo, motore, sospensioni e cambio a seconda del piglio che si vuole dalla propria Renault Megane, ma anche l'ambiente interno e il comfort a bordo. Si potrà scegliere tra le modalità Sport, Normal, Perso (personalizzata, con ciascun parametro regolabile individualmente), Eco. Quest'ultima, su Renault Megane GT, sarà sostituita dalla R.S. Mode, taratura specifica per esprimere le massime prestazioni telaistiche e motoristiche. A differenziare Renault Megane GT di Renault Sport avremo sedili con poggiatesta integrati, sistema quattro ruote sterzanti 4Control di serie, assetto ricalibrato nella rigidità di molle e ammortizzatori, funzione Launch Control e Multi Change Down, per scalate multiple del cambio EDC 7 marce. Fabiano Polimeni Le foto dal Salone di Francoforte 2015 - parte 1