Basta una, originalissima ed elegante, sfumatura di grigio a Mazda per far centro. Lasciate le altre 49 alle esigente cinematografiche, il marchio nipponico sarà al Tokyo Auto Salon del prossimo 15 gennaio con tre prodotti accomunati dalla medesima tinta carrozzeria, capace al tempo stesso di esaltare le note sportive di Mazda MX-5 e CX-3 come anche sottolineare l'eleganza delle proporzioni di Mazda Atenza, meglio nota come Mazda 6 alle nostre latitudini. Altre scelte cromatiche, perché per altri impieghi sono state immaginate, attendono Mazda MX-5 NR-A Racing Spec e una Mazda 2 in versione rally. Entrambe adottano il bianco come soluzione primaria, accostato agli sticker grigi e rossi, con una fascia nera a staccare sulla carrozzeria. Accorgimenti rallystici per l'utilitaria ai quali si contrappongono le misure pistaiole per la roadster. Rollbar anzitutto, sedili a guscio con cinture di sicurezza a quattro punti, poi cerchi in lega specifici e sospensioni regolabili, scelta tecnica comune anche al crossover CX-3 e la versione stradale, sebbene "tunizzata" di MX-5. I cerchi BBS nella stessa tinta della carrozzeria esaltano i tratti della fiancata, bilanciati dalle note più sportive, scritte sotto forma di minigonne con deviatore di flusso (chiaramente buon per l'occhio più che per effettivi vantaggi aerodinamici) davanti alle ruote posteriori e trattamento bicolore, uguale a quello riservato allo splitter. Cambia parzialmente la calandra, con prese d'aria supplementari, mentre al posteriore spicca il doppio terminale di scarico cromato, inserito in un elemento sottolineato ancora una volta dalla tinta a contrasto. Stesse scelte per gli interni, Alcantara e pelle la fanno da padroni, su sedute firmate Recaro. Detto delle modifiche più sobrie apportate a Mazda Atenza - cerchi in lega bicolore, neri con anello argentato, minigonne in tinta carrozzeria e labbro sul muso pure - è il crossover Mazda CX-3 a stuzzicare. A bordo l'Alcantara riveste totalmente i sedili, sportivi quelli anteriori e firmati MazdaSpeed, così come sulla plancia si ritrova il medesimo rivestimeno, con cuciture rosse a contrasto ed elementi in pelle nella zona inferiore della consolle e sulle portiere. Gli elementi in plastica che circondano il perimetro esterno guadagnano inserti rossi sul muso e di profilo, nonché sul paraurti posteriore, a "unire" i terminali di scarico cromati. Spoiler più elaborato in coda, sticker non troppo invasivi sul passaruota posteriore e cerchi bicolore (stavolta neri con anello rosso) completano la caratterizzazione pensata per l'Auto Salon. Fabiano Polimeni