Parola d'ordine: trasparenza. Se il gruppo PSA ha reso noti i consumi di carburante misurati in condizioni di utilizzo reale per una serie di modelli, in casa Opel si fa seguito all'annuncio iniziale del dicembre 2015 anticipando la pubblicazione, dal prossimo giugno, dei consumi riscontrati secondo le procedure di prova del WLTP - World Harmonized Light Vehicles Test Procedure. Tre classi differenti, a seconda del rapporto peso-potenza del veicolo, con condizioni d'utilizzo da un lato più probanti del NEDC, dall'altro in grado di offrire uno standard globale che renda possibile comparazioni dirette tra mercati differenti. Il primo modello del quale conosceremo i consumi sarà nuova Opel Astra, a seguire arriveranno tutti gli altri e saranno pubblicati su un sito specificamente creato da Opel. Avremo una "forchetta" di valori, tra un consumo minimo e massimo, provvedimento che Karl Thomas Neumann, CEO del gruppo spiega così: «In Opel crediamo che l'industria debba riguadagnare fiducia aumentando la trasparenza con i clienti e le autorità. Opel affronta questo passo verso il RDE (ciclo di misurazione dei consumi in condizioni d'utilizzo su strada, che in Europa debutterà dal settembre 2017; ndr) per dimostrare che può essere fatto». Un'anticipazione sui tempi, visto il programma dell'Unione europea di sostituire il sistema NEDC con il WLTP dal 2017. C'è, però, dell'altro e riguarda le emissioni inquinanti di NOx dei motori turbodiesel. «Credo fermamente che la tecnologia diesel continuerà a giocare un ruolo fondamentale in Europa se l'industria proseguirà sul sentiero dei continui miglioramenti, questo è uno dei motivi per cui abbiamo deciso di implementare la tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction) all'intera gamma di motori diesel a partire dal 2018», ha dichiarato Neumann. Tutti i motori a gasolio, quindi, con un sistema di trattamento dei gas di scarico avanzato, con l'iniezione di urea specifica per impiego in ambito automobilistico e in grado di attuare una reazione chimica che trasforma gli ossidi di azoto (NOx) in azoto, acqua e piccole quantità di Co2. Già dal prossimo mese di agosto verranno implementate le migliorìe sui nuovi modelli, che saranno a disposizione anche di 57 mila clienti, proprietari di Opel Zafira Tourer, Opel Insignia e Opel Cascada con motore Euro 6 turbodiesel SCR, in una campagna di aggiornamento volontaria. Prova su strada di nuova Opel Astra f.p.