Da un lato la necessità di ridurre ulteriormente le emissioni di Co2, per affrontare la stretta legislativa di mercati come quello cinese e statunitense, dall'altro la conferma dei piani su un'interessante coupé come la GT86. Toyota tratteggia il futuro a breve e medio termine e lo fa anzitutto puntando su un incremento dell'efficienza dei motori termici e dei sistemi ibridi. Per farlo, investirà risorse nel team di sviluppo dei powertrain ibridi, lo ha annunciato il presidente Toshiyuki Mizushima, un +30% di personale per arrivare a ridurre del 15% la media di emissioni di Co2 nel 2021 rispetto al valore ottenuto nel 2015. 

Si lavora all'introduzione di 19 nuove componenti sui sistemi ibridi, soluzioni da ottimizzare non solo nell'ottica del loro impiego sulle architetture ibride classiche ma, come sottolineato da Mizushima, da utilizzare come leva per spingere quella divisione elettrica che dovrà partorire la prima Toyota alimentata esclusivamente a batterie nei prossimi anni. «Ci serve un approccio aggressivo epr affrontare i cambiamenti normativi», le parole riportate dall'agenzia Reuters. 

Se la parola d'ordine sul fronte powertrain è "maggiore efficienza" - l'ultima generazione di Toyota Prius raggiunge un rendimento termico del 40% dal 4 cilindri 1.8 litri aspirato a Ciclo Atkinson - dall'altro ci sono i prodotti emozionali come la coupé sviluppata insieme a BMW, progetto che porterà alla nuova Supra, e la più abbordabile GT86.

La seconda importante notizia che giunge dal Sol Levante riguarda proprio la sportiva sviluppata in collaborazione con Subaru. Una storia che proseguirà, la seconda generazione di GT86 potrebbe essere presentata tra il 2018 e 2019. Bocche cucite ancora sul mantenimento della partnership con Subaru, tuttavia, viste le peculiarità tecniche che caratterizzano la coupé, nello specifico il motore boxer, che permette un notevole abbassamento del baricentro e un conseguente bilanciamento delle masse tra anteriore e posteriore, sembra naturale la prosecuzione della partnership. Di sicuro Toyota non pensa a una variante spider: l'offerta continuerà a essere unicamente con carrozzeria coupé.