GM al contrario di Volvo, restringe i suoi orizzonti per ottimizzare i profitti. General Motors ha annunciato che cancellerà la sua presenza commerciale in India e Sudafrica. Un passo indietro su due scenari strategici: l’India, che è destinata a diventare il terzo più importante mercato al mondo, e il Sudafrica, testa di ponte per l’intero continente.

Com è già capitato per l'Europa, ad eccezione delle Corvette e delle Camaro, Chevrolet non sarà più venduta in queste due nazioni. Sarà smantellata la fabbrica di assemblaggio di Halol. Non è certo un momento di espansione per il colosso americano, dopo la clamorosa cessione di Opel a Peugeot, che di fatto ha chiuso i portoni anche sul mercato europeo.

Qualcosa resterà. In India resterà operativo uno stabilimento, quello di Talegaon da cui partono veicoli per il Messico, America Centrale e America del Sud. A lasciare una piccola speranza per il futuro è il proseguimento delle attività nel Centro Ricerche e Sviluppo di GM a Bangalore