Attraverso social media e innovazioni tecnologiche il nostro mondo sta cambiando radicalmente e in fretta in ogni settore. Non è da meno quello dell’automotive che si sta evolvendo grazie soprattutto alle startup, vere e proprie fautrici di questo processo d’innovazione. Oltreoceano sono già parecchi gli esempi di progetti di successo acquistati a cifre da capogiro da alcuni dei principali attori del mondo automotive. Ford ha speso un miliardo di dollari per accaparrarsi Argo Al, startup che sta sviluppando un interessantissimo software di intelligenza artificiale, Volkswagen ha acquistato Gett, startup israeliana che offre un servizio simile a Uber, per 300 milioni, mentre Google, orami ben sei anni fa, ha sborsato ben 1,1 miliardi per Waze Mobile, app di navigazione stradale ora divenuta famosissima. 

Anche da noi qualcosa si sta muovendo, ecco dunque le startup più interessanti per quanto riguarda l’innovazione del settore automotive. Auting è la prima piattaforma di peer to peer car sharing tra privati, in cui gli utenti attraverso un sito internet dedicato possono mettere a disposizione la propria auto, “affittandola” ad altri utenti. È ideale per chi non utilizza spesso l’auto e vuole guadagnare qualcosa per far fronte ai costi di gestione che sono sempre piuttosto alti.  Per quanto riguarda un altro settore che ci sta portando direttamente nel futuro, ovvero quello della guida da remoto, esiste la startup 2Hire, capace di sviluppare un dispositivo per gestire l’auto da remoto. Quello che sembrava fino a poco tempo fa un marchingegno fantasioso in dotazione a James Bond oggi diventa realtà. Basta inserire l’hardware creato nella porta OBD standard, presente in tutte le autovetture e il gioco è fatto.