Questione di ore, poi, a Maranello, sarà il tempo del racconto di come, l’ibrido, alzerà drammaticamente l’asticella delle prestazioni. Ferrari F8 Tributo ha celebrato il V8, la berlinetta a motore centrale in arrivo svilupperà il concetto proponendo l’abbinamento alla componente elettrica.

STILE APPUNTITO

Un teaser alimenta l’attesa, diventa un provare a scrutare il particolare tipico dello stile, tra i pochi lampi utili. Il frontale a freccia era già emerso dai muletti avvistati su strada, come le linee dei fari dal taglio più orizzontale che non su F8 Tributo.

QUALE ELETTRIFICAZIONE?

Particolari che preparano l’esordio di un sistema ibrido da 1.000 cavalli, atteso con motore biturbo V8 da 3.9 litri e unità elettrica.

Secondo gli ultimi rumours, potrebbero essere due le unità elettriche, una per ciascun asse, così da sviluppare un sistema quattro ruote motrici. Sul tavolo delle indiscrezioni, negli ultimi 12 mesi, sono finiti anche i brevetti di un sistema con recupero dell’energia dal turbo oltre al motogeneratore cinetico. Soluzioni in grado di convivere l’una con l’altra.

200cv ELETTRICI LO STATO DELL'ARTE ATTUALE

Lo stato della tecnica rilevato sulla produzione di serie dice di sistemi ibridi con la componente elettrica in grado di apportare fino a 200 cavalli alla spinta del motore termico. Numeri che, se abbinati al V8 3.9 litri della F8 Tributo, nonché Motore dell’anno 2019, porterebbero a superare i 900 cavalli, per un dato di 920.

Ricostruzioni che, prestissimo, cederanno il passo all’ufficialità della scheda tecnica.