“Voglio una vita così, voglio una fine così”, canta Achille Lauro nella sua “Rolls Royce” (senza trattino). Perché sì, Rolls-Royce (con il trattino) è simbolo di sfarzo, lusso e status symbol. Capita quindi che si diventi una celebrità in quanto collezionista di auto extra-lusso britanniche e non serve aggiungere molto altro.

MICHAEL FUX, COLLEZIONISTA ESTREMO

In realtà, per quanto riguarda Michael Fux, qualcosa si deve aggiungere: questo imprenditore americano, che si è fatto largo a inizio carriera nell’industria del materasso, è oggi di diritto un nome legato indissolubilmente a Rolls-Royce per la sua costante fedeltà: sono ben dodici le auto di lusso firmate RR che ha commissionato secondo le sue esigenze di esclusività e riconoscibilità.

Rolls Royce e champagne: un optional da 42mila euro

COLORI ESCLUSIVI

E non finisce qui: con l’arrivo del Fux Orange Cullinan, possiamo contare dieci colori su misura che lo statunitense ha ottenuto dalla Casa: è stato presentato direttamente da Torsten Müller-Ötvös – amministratore delegato di Rolls-Royce Motor Cars – a The Quail, a Motorsports Gathering. Gli altri colori che può sfoggiare soltanto il loro ideatore sono il Fux Fux Fuxia Pearl, il Fux Fuxia, il Fux Blue Candy, il Fux Intense Jade Pearl, il Fux White, il Fux Aequus Green Jade, il Fux Purple Candy, il Fux Yellow e il Fux Red Candy. Non sembra un capriccio, ma una vera e propria necessità estetica, da parte del signor Fux. Uno che, di problemi automobilistici, ha solo quello dell’imbarazzo della scelta.