Musica e motori, motori e musica. Un binomio, che da sempre, è strettissimo. Sia per la passione che i cantanti hanno per le quattro ruote sia perché proprio gli idoli musicali sono spesso testimonial per le case produttrici. L’unione delle due situazioni porta poi a situazioni come quella che ha coinvolto Bestop, Jeep e la stella della musica country americana Michael Ray.

Filo doppio con la Jeep

La Bestop, azienda nata nel 1954 con sede a Louisville e che ha uno stretto rapporto con la Jeep visto che fornisce accessori premium per le sue vetture, ha deciso di customizzare nientemeno che una Wrangler per Michael Ray, il quale oltre a essere una degli interpreti più famosi del country negli States è noto anche per aver esplorato i dintorni più nascosti di Nashville.

Jeep Gladiator, la prova

Felicità pura

Il cantante è, da diverso tempo, un grande appassionato di auto e in particolare di Jeep: di conseguenza Ray conosceva benissimo Bestop e ciò che l’azienda del Colorado era in grado di poter realizzare. «Quando Bestop è venuta da me per collaborare insieme, ho immediatamente immaginato la prima volta che ho ascoltato la nostra versione demo di" One That Got Away "e ho provato la stessa sensazione di eccitazione, sapendo cosa c’era potenzialmente all'orizzonte» sono state le parole dell’artista.

La Jeep è stata dotata di luci Baja Designs LP6 premium e un kit di luci da roccia. Inoltre, per ciò che riguarda gli interni, PRP ha allestito dei coprisedili personalizzati JK con loghi Michael Ray ricamati.