Sarà un evento che permetterà al pubblico di ammirare in un unico contesto tutto il mondo dell’automobile. Sportivo, stradale, classico e elettrico. Una esposizione statica ma anche dinamica di auto: supercar, auto di tutti i giorni ma anche con la mobilità elettrica al centro dell’evento.

È il Milano Monza Open Air Motor Show, il nuova fiera motoristica che si svolgerà dal 18 al 21 giugno del prossimo anno all’autodromo di Monza. Si tratta della edizione rinnovata dell’ex Parco Valentino, l’esposizione di Torino che nel 2020 trasloca a Monza e Milano. L’organizzatore è lo stesso di Torino, l’imprenditore Andrea Levy, ma al suo fianco in questa edizione milanese del Motor Show all’aperto ci sarà l’ACI e tutta la politica lombarda rappresentata dal sindaco di Milano Beppe Sala e dal governatore della Lombardia, Fontana, entrambi in prima fila alla presentazione dell’evento.

Insomma, il Milano Monza Open Air Motor Show una via di mezzo tra lo storico Motor Show di Bologna, il festival of speed di Goodwood in Inghilterra e il Parco Valentino. Sul circuito F1 di Monza ci saranno esibizioni di vetture da corsa ma anche sfilate di appassionati proprietari di supercar e vetture sportive. Si prevedono circa 10mila auto sportive in esibizione.

Il Milano Monza Motor Show ricalcherà la formula di successo di quello che per anni si è tenuto a Torino: esposizione all’aperto (con stand tutti uguali) di tutte le Case automobilistiche e poi tutta una serie di iniziative con test drive delle auto sia sportive che elettriche sul circuito oppure su percorsi del parco monzese.

A lanciare l’evento il 17 giugno ci sarà la President Parade, sfilata di auto per le vie del centro di Milano guidate dai presidenti delle rispettive case automobilistiche.

Ci sono grandi ambizioni per il Milano Monza Open Air Motor Show che porta finalmente, dopo numerosi tentativi infruttuosi, una fiera dell’automobile nel territorio della Lombardia. Gli organizzatori si aspettano almeno 500mila visitatori ma in questo caso, a differenza del Parco a Valentino dove l’ingresso era gratuito, si pagherà un biglietto di 20 euro (ridotto 15€).

L’organizzatore Levy ha detto: “Il nostro segreto sarà realizzare un Motor Show dove le case auto non mostreranno i muscoli cercando di prevaricare le concorrenti ma saranno tutte partner dell’evento. Daremo anche l’occasione di unire le passioni per le auto da corsa con quella per le automobili stradali e la tecnologia. Il visitatore potrà godersi questi due aspetti così affascinanti dell’automobile. Senza dimenticare le auto classiche che avranno uno spazio tutto per loro con gemellaggi con i concorsi d’eleganza mondiali e la proclamazione di un’Oscar dell’auto classica”.