Intensificheranno una collaborazione avviata nel 2005, Toyota e Subaru. Dopo l’annuncio dello sviluppo di una nuova architettura destinata alle future elettriche e la progettazione congiunta di un modello a batteria, i due marchi annunciano un incremento dei diritti di voto di Toyota in Subaru e, per quest’ultima, l’acquisizione di una quota azionaria in Toyota.

Alleanze che si rafforzano per affrontare le sfide, costose, dell'automotive nell'era della connettività, dell’automazione, dei servizi di condivisione della mobilità, dell’elettrico: CASE - Connected, Autonomous, Shared, Electrified , per dirla con un acronimo.

SUBARU COMPRERÀ AZIONI TOYOTA

Il dato finanziario prevede che Subaru acquisti azioni Toyota per un ammontare massimo di 676 milioni di euro (80 miliardi di yen), mentre Toyota incrementerà i diritti di voto in Subaru dal 16,83% attuale fino al 20%, con la prospettiva di rendere il marchio una consociata di Toyota.

SPORTIVE CONFERMATE

Le ricadute sul prodotto di serie sono di assoluto interesse. Anzitutto per lo sviluppo congiunto della seconda generazione di GT86 e BRZ, modelli attesi a un’evoluzione dello schema a trazione posteriore e motore boxer, con un incremento di potenza dettato, secondo i rumours, da un quattro cilindri di 2.5 litri anziché l’attuale 2 litri aspirato.

Toyota trarrà vantaggio della tecnologia di trazione integrale, marchio di fabbrica di Subaru, da parte sua potrà continuerà a utilizzare il sistema full hybrid Toyota e introdurlo su più modelli, dopo il debutto della soluzione Crosstrek Hybrid negli USA.

Leggi anche: Toyota e Subaru, la sfida elettrica parte con un suv

Sempre attuale, infine, il tema dello sviluppo di soluzioni sulla connettività e l’assistenza alla guida avanzata.

SPAZIO AL DIVERTIMENTO NEL FUTURO DELL'AUTO

Toyota ha posto l’accento sui connotati dinamici che l’accesso al sistema integrale Subaru offrirà in futuro, con il presidente Akio Toyoda a dire: “In questo periodo unico di profonda trasformazione, anche se i temi CASE cambieranno le auto, il piacere di guida resterà una componente integrale delle automobili ed è qualcosa che credo dobbiamo continuare a preservare.

Sono un rallista e, nel corso della mia esperienza di duro allenamento al volante di una Impreza, ho sentito scorrere nel sangue le meraviglie delle tecnologie Subaru all wheel drive.

Da parte nostra, in Toyota ci siamo impegnati a fondo per affinare le nostre tecnologie di trazione integrale partecipando al WRC tra le altreattività.

Le nostre compagnie adesso vogliono inseguire la possibilità di creare le migliori auto per l’era CASE, mettendo insieme i nostri punti di forza e approfondendo la nostra relazione”.