L’auto intesa come innovazione, come rivoluzione e come cambiamento per l’intera società. È questo il filo conduttore di Cars – Accelerating The Modern World, la mostra al Victoria & Albert Museum di Londra che partirà il 23 novembre (fino al 19 aprile 2020) ed è curata da Brendan Cormier e Lizzie Bisley. Si tratta di un vero percorso: 130 anni di storia, tra nuove produzioni e grandi emozioni.

Auto e Moto d'Epoca a Padova: cosa c'è da vedere, date, costo biglietti

Cambia il design, cambia la tecnologia

Impossibile fare una mostra sulle auto e non raccontare l’impatto di questo “oggetto” sulla storia e sul mondo. Le macchine, come ogni cosa, si evolvono, tra design e tecnologia, e influenzano inevitabilmente l’ambiente circostante. E il nome scelto per la mostra non è un caso: Accelerating The Modern World significa letteralmente “dare velocità al mondo moderno”, quindi plasmarlo e dettare le accelerazioni, le velocità.

Milano Monza Open-Air Motor Show, ecco il Salone interattivo su pista

Cosa vedere

Ma cosa si potrà ammirare con Cars? Saranno tre sezioni (Going Fast, Making More e Shaping Space) e 15 vetture, scelte per raccontare la storia del design e il loro impatto sul mondo in un determinato momento temporale. Tra queste, c’è la prima auto di produzione, la Benz Patent Motorwagen 3, presentata al pubblico nel 1888. E ancora, una Ford Model-T del 1925 e una Hispano-Suiza Tipo H6B realizzata a mano nel 1922. Ci sono poi auto degli Anni Cinquanta, come la piccola Messerschmitt KR200. Sguardo al futuro con la concept car a propulsione nucleare Ford Nucleon e, infine, la Pop.Up Next, l’auto volante progettata da Italdesign, Airbus e Audi. Mote di queste vetture non sono mai state esposte nel Regno Unito: la mostra rappresenta, dunque, un unicum artistico anche grazie all’accostamento con numerosi oggetti (250) di moda, grafica, fotografia e cinema.

L’auto tra passato, presente e futuro: invenzione prima, oggetto del desiderio poi, continua scoperta per quello che sarà. Il prezzo del ticket è di 18 sterline (circa 20 euro) e, a giudicare da quello che viene esposto, la mostra vale anche il costo del biglietto aereo.