Dal 1 novembre 2019 i veicoli Euro 3 Diesel non possono circolare all'interno dell'anello ferroviario di Roma, area che include le zone centrali e semicentrali della Capitale, nelle quali la circolazione è contingentata da limiti e divieti di tipologia permanente o provvisoria. Il provvedimento, noto da tempo, rappresenta una delle misure adottate dall'amministrazione comunale per contrastare gli elevati livelli di inquinamento ambientale che affliggono la città e potrebbe interessare, considerando il solo comparto auto, circa 100mila veicoli, stando ai dati Aci sulle vetture diesel euro 3 circolanti a Roma al 31 dicembre 2018.

Bonus rottamazione, stretta sugli incentivi: solo fino a Euro 3

Roma, divieto circolazione euro 3 diesel: attuazione e possibili deroghe

Lo stop sarà in vigore 24 ore su 24, dal lunedì al venerdì con eccezione dei festivi infrasettimanali. Di conseguenza, essendo il 1 novembre festivo un venerdì, il divieto sarà operativo dal 4 novembre 2019. In attesa dell'ordinanza di attuazione del divieto, dovrebbero essere previste deroghe per alcune categorie di veicoli come quelli adibiti al trasporto disabili e muniti di apposito contrassegno. Al contempo per i mezzi destinati al trasporto merci  potrebbe essere previsto un periodo di attuazione transitorio fino a marzo 2020 con fasce orarie modulate che prevedono il divieto di circolazione, da lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 16.30 alle 20.30.

Tangenziale Est di Roma: la protagonista del cinema

La protesta della CNA

Il divieto circolazione dei mezzi Diesel Euro 3 nell'anello ferroviario di Roma coinvolgerà anche un cospicuo numero di veicoli commerciali. A riguardo, la CNA (Confederazione Nazionale Artigianato) esprime preoccupazione per l'attuazione del provvedimento che impedirà ai veicoli in dotazione a imprese operanti in vari settori di non poter più accedere, nelle fasce orarie suddette, in una vasta area di grandissima rilevanza economica della capitale con inevitabili ricadute sul sistema produttivo. Per provare a ovviare agli inevitabili disagi, la CNA ha chiesto alla Giunta capitolina deroghe temporanee all'attuazione del divieto e incentivi per il rinnovo del parco mezzi a favore di quelli a minor impatto ambientale.

Le mappe dell'Anello Ferroviario di Roma in cui sarà attivo il divieto sono consultabili sul sito di Romamobilità