Lamborghini Huracan è sempre più veloce, in pista e in fabbrica. La V10 di Sant’Agata Bolognese ha raggiunto un traguardo importante, 14.022 esemplari prodotti in 5 anni.

Doppiando di fatto il modello precedente Gallardo, che pura aveva rilanciato alla grande il Marchio al livello mondiale: per arrivare allo stesso numero aveva impiegato il doppio di tempo, l’intero ciclo vita, dal 2003 al 2013. 

Dal 2014 è arrivata Huracan, ed è stata una progressione incredibile. Coupé, Spyder, versioni a trazione posteriore, Performante nel 2017 e Performante Spyder nel 2018. A pari passo, sono arrivati i primati in pista, facendola incoronare come sportiva più prestazionale nei tracciati più prestigiosi e difficili del mondo.

Quest’anno, puntuale a metà ciclo vita è stata la volta di Huracan EVO nelle versioni Coupé e Spyder con motore V10 da 640 cavalli. Esaltate da avanzate soluzioni aerodinamiche e dal nuovo sistema sistema LDVI, acronimo di Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata.

Il modello col numero di telaio 14.022 è una EVO coupé di colore Grigio Titans opaco. La corsa continua, ma dell’intera gamma. Lamborghini hei primi sei mesi del 2019 ha consegnato 4.553 vetture, con un aumento del 96% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Nello specifico  Huracan ha raggiunto le 1.211 unità, Aventador, icona V12, ha totalizzato 649 unità e ovviamente Urus con 2.693 unità ha fatto la parte del leone.