Per versioni come la R, fedeli come sono al concetto di sportività per puristi, è logico non ci sia alternativa. Per nuova Porsche 911 Carrera S e 4S, invece, l’introduzione del cambio manuale 7 marce, alternativa al doppia frizione PDK 8 rapporti, è una piacevole conferma dell’attenzione – più volte ribadita da Porsche – a una fetta di clienti che, alla prestazione assoluta, prediligono sensazioni ed emozioni di un controllo totale.

Annunciato per le 911 destinate al mercato statunitense, dove le consegne delle S e 4S manuali inizieranno nella primavera del prossimo anno, il cambio 7 marce è destinato ad arrivare anche sulle versioni europee della Carrera.

Lo schema degli innesti è classico, niente dog-leg con prima in basso. Optare per il manuale garantirà un risparmio di peso di 9 kg ma non un risparmio di dollari, vista l’offerta alla pari con il PDK 8 per prezzo di listino.

L’accelerazione da 0 a 100 orari sarà in circa 4”, trasmissione manuale che porta con sé, di serie, il pacchetto Sport Chrono, comprensivo di selettore delle modalità di guida al volante, supporti motore-cambio dinamici, modalità doppietta in scalata (rev-matching) e il differenziale a slittamento limitato di tipo meccanico anziché l’elemento a controllo elettronico di cui è dotata Porsche 911 Carrera S con PDK.