Lunedì 4 novembre, una giornata storica per la mobilità a Roma. Da oggi, infatti, scatta il divieto permanente di circolazione per i veicoli diesel Euro 3 all'interno dell'anello ferroviario della Capitale, un'area territoriale che include zone centrali e semicentrali della città, nelle quale è già previsto uno stop alla viabilità per per i veicoli Pre-Euro 1 (benzina e diesel) e Euro 1 (benzina e diesel) e Euro 2 (diesel).

Bonus rottamazione, stretta sugli incentivi: solo fino a Euro 3

Il provvedimento è stato deciso, da tempo, dall'amministrazione capitolina nell'ambito delle politiche ambientali per contrastare gli elevati livelli di inquinamento che affliggono la città e coinvolgerà, stando alle stime, circa 250mila veicoli fino al 31 ottobre 2020.

Divieto Diesel Euro 3 a Roma, cosa prevede l'ordinanza

Il divieto di circolazione degli Euro 3 è regolato dall'ordinanza n. 204/2019 e, prevede, sostanzialmente, l'esclusione per i veicoli inquinanti, nelle zone interessate, dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle10.30 e dalle 16.30 alle 20.30, ad eccezione dei festivi infrasettimanali. Sono previste deroghe per i mezzi di soccorso, con contrassegno invalidi, quelli di protezione civile, le auto mediche, dei cortei funebri o per la raccolta rifiuti. Disposto un periodo transitorio di attuazione, fino al 31 marzo per i veicoli adibiti al trasporto merci.

Attenzione, dunque, alle possibili multe. Ch infrange l'ordinanza infatti può essere sanzionato con un'ammenda dai 168 ai 679 euro e, nel caso di recidiva, con la sospensione della patente dai quindici ai trenta giorni