Un nuovo dispositivo per la sicurezza stradale. Ecco Holo, il completamento notturno al classico triangolo stradale, inventato da Fabio Lettieri e distribuito, in Italia, da MAK.

NDBA, la barriera spartitraffico di Anas supera le prove

Holo, come funziona il dispositivo

In caso di stop del veicolo, Holo segnala la presenza del mezzo proiettando a terra un triangolo visibile fino a 30 metri di distanza, attirando l'attenzione degli altri utenti della strada grazie alla sua luce intermittente. Per garantire una funzionalità efficace, HOLO può essere installato, grazie al supporto magnetico, sul tetto dell'automobile senza dover necessariamente scendere dal mezzo ed esporsi, così, a potenziali pericoli. Compatto e impermeabile, HOLO può essere ricaricato tramite USB e ha un'autonomia di funzione fino a 5 ore, caratteristica ulteriore che lo rende più visibile e sicuro rispetto al tradizionale triangolo mobile in metallo, spesso, non immediatamente visibile specie in strade e percorsi poco illuminati all'esterno.