Per una volta, al motore si affiancano le soluzioni innovative sulle sospensioni, per dire della sportività di nuova Audi S8. L’ammiraglia conferma tutto il corredo hi-tech, segno distintivo dell’attuale generazione. Lo fa arricchendolo di una sportività ad altissime prestazioni, numeri da supercar, a leggerli singolarmente.

In gioco c’è una massa di 2.230 kg, imponente come gli oltre 5 metri di lunghezza del corpo vettura. Nasce per macinare lunghe distanze nel comfort più assoluto e con le innovazioni tecniche più recenti, Audi A8. Ecco, Audi S8 aggiunge il dato di un viaggio ad alte prestazioni, grazie al motore V8 4 litri TFSI, un twin turbo benzina da 571 cavalli e 800 Nm di coppia motrice. Motore già apprezzato in casa Audi, permette di raggiungere i 100 orari con partenza da fermo in 3”8 e divorare chilometri di Autobhan a 250 orari autolimitati.

Il funzionamento delle sospensioni predittive

Non solo motore, però, è la prestazione nel caso dell’ammiraglia di Ingolstadt. A catturare l’attenzione è soprattutto lo schema delle sospensioni pneumatiche, dotate di un dispositivo predittivo di controllo del rollio e del beccheggio. Due attuatori di tipo elettromeccanico sono installati sulle barre antirollio a controllo elettronico e consentono di variare la risposta e l’escursione di ciascuna singola ruota, modificando l’assetto dell’auto.

Nella modalità di guida Comfort+, nuova su Audi S8, il corpo vettura viene inclinato in curva per contrastare la forza centrifuga, l’auto è come se “piegasse” nella direzione della curva stessa, fino a un valore massimo di 3 gradi.

All’estremo opposto, dell’esaltazione della dinamica, la modalità Dynamic dell’Audi drive select, limita il rollio a 2,5 gradi, valore dimezzato rispetto ai 5 gradi della proposta Audi A8 con sospensioni a controllo elettronico ma prive di molle pneumatiche con sistema predittivo.

Telecamera frontale per scansionare l'asfalto

La variazione delle caratteristiche di risposta, personalizzate per singola ruota, avviene grazie alle immagini registrate dalla camera frontale dei sistemi di assistenza alla guida, a rilevare le irregolarità sull’asfalto e, dall’analisi operata dall’elettronica dedicata alla gestione delle sospensioni, modificare di conseguenza la taratura delle sospensioni.

L’assetto di Audi S8 è completato dalla presenza delle quattro ruote sterzanti e di un differenziale posteriore sportivo, a controllo elettronico, che opera trasferendo una maggior quantità di coppia sulla ruota esterna in inserimento di curva, per una dinamica di marcia più reattiva; viceversa, sposta la trasmissione della coppia sulla ruota interna alla curva nel caso in cui l’elettronica rilevasse un principio di sovrasterzo, arginando l’effetto.

Ingresso semplificato all'interno

Le potenzialità offerte dall’elettronica abbinata alle sospensioni pneumatiche consentono anche di modificare l’altezza da terra del corpo vettura ad auto ferma. Basta tirare le maniglie per salire a bordo e Audi S8 autonomamente incrementa di 5 centimetri la distanza dal terreno, facilitando l’acceso a bordo, per poi riguadagnare la posizione standard dell’assetto.

Ancora sul motore V8 4 litri TFSI, va detto della presenza dello starter-generatore a 48 volt, grazie al quale si sviluppa il mild-hybrid: coasting esteso a motore spento e start&stop attivo da velocità più elevate contribuiscono a ridurre i consumi fino a 0,8 lt/100 km.

All’interno, Audi S8 concede un richiamo alla sportività con materiali tecnici, inserti in Carbon Vector e alluminio spazzolato opaco. La personalizzazione dell’ammiraglia offre soluzioni come i freni carboceramici (9,6 kg più leggeri dell’impianto in ghisa) e cerchi fino a 21 pollici di diametro.