Dalle piste alla strada, dagli anni Cinquanta a oggi, quello di Lotus è un fascino destinata a non tramontare mai. Elemento cardine nella storia della Formula 1, sin dai primi anni di vita la Casa britannica ha realizzato anche auto di serie, che hanno attratto e emozionato i fortunati proprietari e gli appassionati.

Leggi anche: Lotus: nuovo logo e partnership col Norwich

Una passione che è pronta a divampare ancora più forte a Roma, a partire dal 30 novembre, quando nella Città Eterna verrà inaugurato il Lotus Club Roma.

QUANDO E DOVE

Appuntamento quindi il prossimo sabato presso il concessionario ufficiale AutoHaus Roma, partner dell’associazione, alle 18.30 per un aperitivo in cui verrà presentato il Club ed esposti gli obiettivi per il 2020, così come gli eventi in programma e le varie opportunità per tutti i soci.

UN MARCHIO STORICO

Fondata nel 1952 da sir Colin Chapman, Lotus ha saputo distinguersi sia nelle competizioni che sulle strade. Protagonista nel Circus iridato dal 1958 fino al 1994 - senza contare il ritorno del nome nei primi anni Dieci del Duemila -, il Team britannico è riuscito a portare a casa 7 Mondiali Costruttori (1963, ’65, ’68, ’70, ’72, ’73, ’78) e 6 Mondiali Piloti (Jim Clark, Mario Andretti, Emerson Fittipaldi, Jochen Rindt e Graham Hill).

Già nel 1956 entrò in produzione la prima auto di serie, la Eleven. Tra le vetture in produzione ancora oggi, la più “vecchia” è Elise, spider a trazione posteriore realizzata a partire dal 1996, erede della mitica Elan. L’ultimo modello a entrare sul mercato è la hypercar Evija, prima elettrica del Marchio, datata 2019.