Attesa per gli amanti delle aste per la prossima di Gooding&Company, a Scottsdale in Arizona a inizio anno nuovo, il 17 e 18 gennaio. Senza nulla togliere alle auto partecipanti, gli occhi saranno puntati su sei Ferrari da collezione piuttosto rare: una Ferrari 348 TS, una 308 GTS QV, una 550 Barchetta e soprattutto una Ferrari 250 GT Cabriolet Series II by Pininfarina del 1960, una 365 GTB/4 Daytona Spider del 1972 e una F50 del 1995. Non serve essere esperti per capire che questi gioielli rappresentano un motivo decisamente valido per decidere di fare offerte da capogiro.

Ferrari 250 GTO venduta per 44milioni di dollari senza ... cambio

Il valore

Se le prime tre raggiungono un valore complessivo stimato di 700mila dollari, le altre raggiungono addirittura i 7,6 milioni. Il totale? 8,3 milioni. La 250 GT messa all’asta da Gooding&Company fa parte delle quattro disegnate da Pininfarina e ha un motore V12 Colombo da 3 litri. Stesso stile di carrozzeria e stesso cuore pulsante (ma con cilindrata di 4,4 litri) per la 365 GTB/4. E anche qui c’è la mano di Pininfarina.

Ha una storia degna di essere raccontata: in molti la conoscono perché è stata protagonista nelle prime stagioni di Miami Vice. Ma le sue avventure sullo schermo non finiscono. Questa Daytona, infatti, è appartenuta al regista Sidney Pollack. La più “cara” (almeno stando alle valutazioni) è però la Ferrari F50 del 1995. Costruita per festeggiare il traguardo dei 50 anni dalla fondazione della Casa di Maranello, è diventata una vera e propria icona nel mondo delle auto. Non è un caso che il suo valore stimato si attesta tra i 3,2 e i 3,5 milioni di dollari. Chi sarà il ricco fortunato ad aggiudicarsela?

Ferrari, un'elettrica solo dopo il 2025