Volkswagen e Dieselgate, un maxiprocesso e i suoi protagonisti di cui vi abbiamo già parlato in questo articolo non molto tempo fa. Oggi la situazione si sta evolvendo e le ultime notizie raccontano della volontà della Casa di Wolfsburg di aprire a un accordo per i risarcimenti dopo che la Federazione delle organizzazioni dei consumatori tedeschi (VZBV), a rappresentanza dei clienti, aveva dato il via a un procedimento giudiziario presso il tribunale di Braunschweig lo scorso settembre.

Dieselgate, nuove accuse per Martin Winterkorn

La Volkswagen e la Federazione delle organizzazioni tedesche dei consumatori hanno concordato di avviare discussioni su un possibile accordo”, si legge in una nota della società. Questo è quanto sta accadendo adesso: si tratta di una fase iniziale delle discussioni, non ci sono garanzie di accordi, ma l’obiettivo è quello di trovare una “soluzione pratica a vantaggio del cliente”.

Dieselgate, Daimler AG condannata a 870 milioni di multa

Lo scandalo

Sono stati ben 440mila clienti, in Germania, a denunciare Volkswagen. Lo scandalo scoppiato dopo la scoperta della falsificazione delle emissioni sulle vetture del Gruppo tedesco ha portato VW nella bufera. Multe, riacquisti, indennizzi: il saldo attuale conta 30 miliardi di euro. Ora c’è da risarcire i clienti. VZBV fa sapere che un’offerta di transazione per essere valida dovrebbe essere accettata dal 70% dei ricorrenti.

FCA, manager arrestato a Detroit per lo scandalo Dieselgate