Nuova Outlander in arrivo, una gamma Eclipse Cross pronta a rinunciare alla quota marginale di vendite del diesel, la conferma della presenza nel segmento A. Mitsubishi tratteggia i punti chiave del 2020 che la vedrà impegnata sul mercato europeo, nelle parole dell’a.d. di della divisione Europe, Bernard Loire, intervistato da Automotive News.

Lo sviluppo dell’offerta suv ruoterà intorno al lancio della nuova generazione di Outlander, programmata nella seconda parte dell’anno. I contenuti del progetto saranno, nel design, quelli anticipati dal concept Engelberg Tourer, fedeli nel taglio della calandra, della linea di cintura.

L’attesa è tutta sull’interpretazione degli interni, dove potrebbe produrre un significativo cambio di approccio, “semplificato” nel design e con un avanzato comparto infotainment.

Outlander ibrido, architettura CMF in arrivo

Loire ha confermato il ricorso a una piattaforma dell’Alleanza della quale fa parte Mitsubishi, quella Nissan-Renault che, in materia di sport utility di segmento D (Outlander sviluppa 4,70 metri in lunghezza su 267 cm di passo), offre la CMF-C/D di Nissan X-Trail e Qashqai, ad esempio. Passo un po’ più ampio a lunghezza invariata, un paio di centimetri extra in larghezza, potrebbero essere le nuove proporzioni di Outlander 2020.

Leggi anche: Outlander ibrido plug-in, le novità del MY2019

Il progetto sul mercato ha ottenuto buoni incrementi nei volumi di vendita in Europa, in particolare nella proposta ibrida plug-in, con emissioni di Co2 dichiarate in 46 g/km e un’autonomia in elettrico di 45 km. Su tale fronte, l’ibrido in serie con motore 2.4 litri a Ciclo Atkinson resterà una costante, da verificare la possibilità di un incremento dell’autonomia di marcia a zero emissioni, dove il concept presentato a Ginevra dichiarava 70 km per singola carica.

Eclipse Cross pronto l'addio al diesel

La direttrice elettrificata porterà Mitsubishi a eliminare l’offerta del diesel su Eclipse Cross, i tempi indicano la fine del 2020. Eclipse Cross progetto di segmento C, in “coabitazione” con il ben più datato progetto ASX.

Insieme a nuova Outlander arriverà un suv da posizionare in un segmento inferiore e sarà con ogni probabilità l’erede di ASX il candidato alla prima mondiale nella seconda metà del 2020. Richiamando le prospettive sul modello indicate in passato, dovrebbe andare a occupare una fascia di mercato dalle dimensioni più compatte e proporsi da B-suv, creando una migliore differenziazione dell’offerta.

Leggi anche: Il test di Space Star 2019

Estremi opposti continueranno a essere il pick-up L200 e la citycar Space Star, quest’ultima confermata in un segmento ritenuto centrale da Mitsubishi e, specialmente in Italia, dalle buone performance nel 2019.