Nuova Seat Leon è a un passo dalla presentazione, il prossimo 28 gennaio. Dell’impianto tecnico di base della berlina e station wagon si conosce da tempo pressoché ogni dettaglio. Un progetto nato su architettura MQB evoluta, che ricorrerà a motorizzazioni elettrificate mild-hybrid, ibride plug-in, benzina, diesel e metano.

Design, non solo fari full led

Compirà un radicale cambio di filosofia e design all’interno, mentre le linee della carrozzeria subiranno una profonda evoluzione. I tratti del suv Tarraco saranno in soluzioni come il design dei fari full led adattivi frontali e nella sempre più in voga corrente stilistica di fari posteriori raccordati da un elemento a led.

A pochi giorni dall’anteprima mondiale, le ultime istantanee di Seat Leon 2020 la vedono “wrappata” in un motivo modernista strettamente legato alla città di origine del modello: Barcellona. Venti metri quadri di vinile sono stati applicati sulla carrozzeria di nuova Leon per renderla una specie di “scultura in movimento”.

E l’occasione vale un’osservazione più nitida su alcuni elementi del design. Si conferma un’interessante originalità del posteriore, con il portellone molto scavato nella fascia che ospita i gruppi ottici e uno spigolo accentuato appena al di sopra e staccato dal lunotto.

L’idea è quasi di una “coda tronca” come detto in altre occasioni. Il movimento delle superfici, tra pieni e vuoti sviluppati ricorrendo a spigoli vivi sarà presente anche lungo le fiancate, con la linea fondamentale del design proprio nella nervatura che corre dai fari anteriori al posteriore.